| categoria: Roma e Lazio

Mafia Capitale: dopo la sentenza arrivano le scarcerazioni

Dopo la lettura della sentenza, in carcere restano solo i big di quella che per la procura era la cupola mafiosa romana: Massimo Carminati, Salvatore Buzzi, Riccardo Brugia, Fabrizio Franco Testa e Matteo Calvio, noto cone Spezzapollici. Con un’ordinanza, il giudice Rosanna Ianniello ha liberato anche chi era sottoposto ai domiciliari e all’obblico di firma. Misura revocata per Claudio Bolla, Stefano Bravo, Emanuele Bugitti, Claudio Caldarelli, Sandro Coltellacci, Paolo Di Ninno, Agostino Gaglianone, Carlo Maria Guarany, Cristiano Guarnera, Giuseppe Ietto, Roberto Lacopo, Michele Nacamulli. Ed ancora Franco Panzironi, Luca Odevaine e il suo collaboratore Mario Schina, Pierpaolo Pedetti, Carlo Pucci. In particolare Panzironi, Pucci, Di Ninno, Gaglianone, Ietto e Lacopo erano in carcere dalla prima ondata di arresti. Altri ai domiciliari o con l’obbligo di firma. Il giudice Ianniellio per chi era in carcere ha disposto «l’immediata liberazione, se non detenuti per altro». Domiciliari blindati per Gramazio. Per l’ex consigliere regionale disposta la sostituzione del carcere con quella dei domiciliari «nei luoghi di abituale dimora con divieto di contatti telefonici e telematici diversi dai familiari e dai difensori». «Lacopo era considerato il titolare della pompa di benzina di Corso Francia considerata la base operativa della banda», ha detto l’avvocato Fabrizio Gallo che lo difende, «ora è già a casa, incredulo».

Ti potrebbero interessare anche:

Sarà Storace il candidato per il Pdl nel Lazio? C'è chi lo dà per certo
FOIBE/Giorno del ricordo, a Roma imbrattato monumento
IL PUNTO/ Spending review? La Pisana costa cara, ma basta tagliare
Paura a Roma: minorenni lanciano i sassi contro il treno
AMA: GRAVI DISSERVIZI, STOP A CONTRATTO CON CNS-COOP 29 GIUGNO
“Malati di Alzheimer abbandonati dal Comune”, Sant’Egidio lancia l’allarme



wordpress stat