| categoria: sanità Lazio

LATINA/ Liste d’attesa, piano della Asl: tempi ridotti o niente attività libero professionale

«Riduzione o sospensione della libera professione a fronte del superamento dei tempi previsti per l’erogazione delle prestazioni istituzionali». Lo mette nero su bianco la Asl di Latina e il riferimento è chiaro: prima visite ed esami in regime pubblico, quelli per i quali è previsto al massimo il pagamento del ticket, poi l’attività libero professionale. Il messaggio arriva dalla Regione Lazio, con l’ultimo piano abbattimento delle liste d’attesa: non si può andare avanti con prestazioni che se fatte con il ticket comportano mesi d’attesa, se in attività libero professionale – sempre in strutture pubbliche e con lo stesso medico – si fanno tre giorni dopo. Pagando. Il commissario Giorgio Casati: «Concerteremo questa iniziativa con il comitato paritetico». Il piano della Asl comunque è partito, si anticiperanno le attese più lunghe, gli appuntamenti e gli esami saranno anche di pomeriggio e sera e si interverrà a seguire sulle agende, mentre alle urgenze penseranno i medici di base con prenotazioni dirette.
Illustrato anche il progetto di tele medicina con le isole che sarà “pilota” per il resto dell’azienda, mentre sull’emergenza pediatri – c’è stato il rischio di interrompere l’attività all’ospedale di Fondi – il direttore sanitario Asl, Luciano Cifaldi è stato chiarissimo: «Per loro non siamo un’attrazione»

Ti potrebbero interessare anche:

All'Umberto I arrivano i reparti a gestione infermieristica (a costo zero)
Tumore al polmone, la prevenzione scende in piazza a Roma
DIETRO I FATTI/ E' cominciata la privatizzazione del 118, servizio pubblico per eccellenza?
Perchè smantellare il reparto di oncologia di Frascati e spostarlo a Marino?
Asl Rieti, arriva la Risonanza magnetica S-Scan per i pazienti esterni
Tumore del cervello. Al Policlinico Gemelli un percorso clinico-assistenziale per i malati



wordpress stat