| categoria: Dall'interno

Pepsi richiama e ritira dagli scaffali 3,4 milioni di bottiglie: plastica all’interno

Ancora un altro sensazionale richiamo nella vendita al dettaglio! Suntory Beverage & Food ha annunciato sul sito ufficiale della società un richiamo volontario di 3,4 milioni di prodotti. La società ha spiegato che all’interno di alcune bottiglie di Pepsi e di altre bevande, erano presenti corpi estranei di plastica. I prodotti soggetti al richiamo hanno la data indicata sulla bottiglia come termine minimo di conservazione compresa fra il 27 settembre 2017 e il 22 gennaio 2018. È possibile controllare il fondo delle bottiglie. Inoltre, tutti queste bevande sono state prodotte nello stabilimento di Hanyu a Saitama. I prodotti che subiranno richiamo sono elencati di seguito: Pepsi Strong 5.0GV 490ml, Pepsi Strong 5.0GV 420ml, Pepsi Strong 5.0GV (Zero) 490ml, Pepsi Special 490ml, Pepsi Special 490ml 5+1 pack, Pepsi Cola 500ml e POP Melon Soda 430ml. Il consumo può portare a lesioni anche se sino ad oggi non sono stati segnalati casi. Il richiamo si ritiene che sia stato attivato dopo ci si è accorti che le bottiglie interessate presentavano corpi estranei di platica. Quando si versa potrebbero le parti in plastica essere travasate nel bicchiere. In riferimento alla notizie provenienti dal colosso giapponese di produzione e distribuzione di bevande, comunica Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sino ad oggi il Ministero della Salute non ha precisato se i prodotti in questione siano esclusi dalla commercializzazione sul mercato italiano. È la stessa Suntory che non rassicura i consumatori nostrani specificando con una nota che il richiamo del prodotto non coinvolge in alcun modo l’Italia.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Comune stacca la luce al campo rom. Scatta la rivolta
MILANO/ Che vergogna, per il giudice 'aggiusta-processi' mazzette nei cesti natalizi
Una settimana dedicata a capire e a condividere l'autismo
Furbetti del cartellino, 7 licenziati alla Asl di Avellino
MEDIASET BATTE FACEBOOK, PIATTAFORMA VIOLÒ COPYRIGHT
Documenti vaccini figlia falsi, indagati



wordpress stat