| categoria: turismo

L’estate glamour del Principato di Monaco

f30f3d46217e91e11b87e1a63ae0f9a8E’ un’estate ricca di eventi e di appuntamenti quella che si sta vivendo nel Principato di Monaco e nel suo distretto più famoso, Montecarlo. Qui gli amanti del lusso e del jet set internazionale hanno solo l’imbarazzo della scelta: dal celebre Casinò, simbolo della città, di cui cinema e letteratura hanno costruito il mito, alle spiagge più eleganti frequentate da attori, artisti e campioni; dagli esclusivi hotel con spa mozzafiato al museo oceanografico; dal centro culturale Grimaldi Forum al Palais Principier, residenza rinascimentale dei Grimaldi.

L’estate monegasca è iniziata sotto il segno dell’arte e della cultura: il Grimaldi Forum (www.grimaldiforum.com) ospita fino al 10 settembre La Città Proibita a Monaco. La vita alla corte degli imperatori e delle imperatrici della Cina, un’esposizione dedicata alla dinastia imperiale cinese Qing (1644-1911) che ne celebra i fasti, i gusti e la grandezza attraverso più di 250 oggetti che provengono dall’antico palazzo degli imperatori. Fino al 21 agosto, invece, si può assistere al Monte-Carlo Sporting Festival, che presenta un ricco cartellone di musica live di grandi artisti internazionali: dalla calda voce soul di Joss Stone alla potenza di Michael Bolton con alcune presenze italiane, come Eros Ramazzotti, Andrea Bocelli, Renato Zero, Paolo Conte e Zucchero. E’ possibile assistere anche a Legally Blonde, un musical ispirato al celebre film con Reese Witherspoon, in scena all’Opera Garnier Monte-Carlo dal 16 al 20 agosto. Per conoscere tutti gli altri appuntamenti: it.montecarlolive.com

Tra gli eventi mondani di quest’estate ci sono anche numerose inaugurazioni di nuovi locali: lounge bar, ristoranti, pasticcerie e discoteche che si aggiungono alla già ricca proposta d’accoglienza. Tra queste spicca il nuovo locale dello chef pluristellato Heinz Beck che assieme al collega Joël Robuchon ha aperto il ristorante Odyssey presso il Métropole Hotel: è un pop-up restaurant che fino a settembre propone ogni sera alcuni dei suoi piatti più celebri. A due passi dal Métropole, affacciato sui giardini del Cafè de Paris, c’è un altro luogo alla moda: è Bagatelle, un ristorante lussuoso dal design mozzafiato che accoglie gli ospiti in qualsiasi momento della giornata: dal brunch alla cena passando per l’aperitivo e il tè. Qui, l’executive chef Rocco Seminara offre ottimi piatti abbinati a drink imperdibili, tra cui il Signature cocktail, un mix di Beluga Noble, liquore Xante, sciroppo di zenzero, lime, pera e un goccio di birra allo zenzero. Durante il giorno, inoltre, è possibile solleticare il palato nell’elegante locale Cova, celebre pasticceria milanese, recentemente inaugurata di fronte a Place du Casino.

Anche l’offerta notturna è ricchissima: oltre ai celebri locali – dall’esclusivo night-club Jimmy’z al Buddha-Bar e al ristorante Black Legend Monaco – Le Méridien Beach Plaza ha da poco aperto sulla sua terrazza l’Amber Summer, un lounge bar dove intrattenersi dopo una giornata in spiaggia e scatenarsi fino a tardi. E’ il luogo perfetto con vista sul mare dove gustare cocktail e aperitivi fusion che uniscono la tradizione mediterranea a quella asiatica, al ritmo di famosi dj set. Nella zona di Port Hercule merita una serata anche Lété, ristorante, lounge bar e cabaret, diviso in differenti ambienti: qui, nei weekend estivi, si trasforma in Monark Club con eventi sempre diversi, dove ci si diverte fino all’alba.

Tra le novità alberghiere, invece, c’è la nascita di una curiosa iniziativa: una splendida suite che il Fairmont Monte Carlo ha voluto dedicare ad Ayrton Senna, uno dei più grandi e indimenticati piloti di Formula Uno. Gli appassionati di motori, infatti, potranno ammirare all’interno della suite foto inedite del pilota, oggetti personali e libri.

Nel Principato, comunque, sono molte le attrattive che meritano di essere conosciute: i Jardins Saint-Martin, sospesi sulla parete del Rocher che guarda verso il mare, nella parte più antica del Principato, ospitano piante di diversa provenienza, essenze esotiche, giochi d’acqua e il monumento eretto nel 1951 alla memoria del principe Alberto I, fondatore dell’attiguo museo oceanografico, anch’esso da visitare con calma. E’ magnifico il Musée Océanographique, ideato nel 1910 dall’architetto Paul Delefortrie per ospitare i reperti raccolti dal principe Alberto I nelle sue numerose spedizioni in giro per il mondo. Il palazzo, che domina il mare e offre una vista mozzafiato su tutto il Principato e sul massiccio dell’Esterel, racchiude l’acquario con due sezioni che ospitano più di 90 vasche con tecniche innovatrici che attingono l’acqua direttamente dal mare sottostante.

C’è un’altra attrazione che lascia senza fiato: è la riserva marina del Lavarotto, a pochi metri al largo del Principato, che testimonia ancora una volta la passione di Alberto I per il mare e la sua protezione. La riserva, infatti tutela la flora e la fauna marine in un’area di 50 ettari, delimitati da boe gialle. In questo santuario, ricchissimo di pesci e coralli, è vietato pescare, inquinare e le immersioni sono regolamentate.

Per maggiori informazioni:www.visitmonaco.it

Ti potrebbero interessare anche:

Pontino, un'estate da brivido. Prenotazioni in calo, mercato immobiliare a picco
Carnevale: Venezia, Tenerife e Colonia le mete top in Europa
A Pagano Sabino l'antico rito delle noci
A Carnevale hotel più cari,
Puglia-Calabria star dell'estate, le Marche sperano
Non solo paella, Valencia a tutta arte



wordpress stat