| categoria: primo piano

MIGRANTI/ Ue: porti Italia non garantiti alle Ong che non firmano il codice

ed1a4746876fcb3aca4bab768f4659b4 Il Viminale si era limitato a parlare di «conseguenze» per le ong che ieri non hanno sottoscritto il Codice di condotta sui soccorsi in mare (5 su 8). Oggi la Commissione Europea è stata più precisa, sottolineando che chi non firmerà il documento non si vedrà riconoscere la garanzia di trasferire i migranti salvati nei porti italiani, se l’area in cui sono stati soccorsi non è quella di competenza italiana. Intanto, nel Mediterraneo si continua a morire: 8 cadaveri sono stati recuperati a bordo di un gommone carico di migranti. Luglio fa però registrare un dimezzamento degli sbarchi che porta il totale di arrivi del 2017 sui livelli del 2016. Un dato che segnala una maggiore capacità di contenimento da parte della Guardia costiera libica nelle ultime settimane. Il ministero dell’Interno aveva definito insieme ai tecnici della Commissione le 13 regole contenute nel codice proposto alle organizzazioni umanitarie ed oggi da Bruxelles è arrivato un sostegno all’iniziativa italiana, dopo che ieri la maggioranza delle ong aveva disertato il tavolo della firma. «L’idea del codice – ricorda la portavoce della Commissione europea per Migrazione e Affari interni Natasha Bertaud – era stata unanimemente sostenuta da tutti i ministri dell’Interno al consiglio Ue, perché questo documento porterà molta più chiarezza a tutti gli attori sulle pratiche» da adottare e «assicurerà alle ong che, se aderiscono ad alcuni principi e standard operativi in linea con la legge internazionale, avranno la garanzia di accedere ai porti italiani. Chiaramente – aggiunge – le ong che non firmano non potranno beneficiare di queste garanzie da parte delle autorità italiane. Ma la legge internazionale continua ad essere valida in tutte le circostanze e richiede che la barca più vicina all’incidente faccia il salvataggio dei migranti e proceda ad un porto sicuro». Medici senza frontiere, tra le organizzazioni che non hanno firmato il Codice, tira diritto. «Non abbiamo accettato il documento – spiega il direttore generale Gabriele Eminente – perché non tutela il nostro lavoro e poi c’è già la legge internazionale che regolamenta il tutto. Noi continueremo comunque a lavorare nel Mediterraneo, ma al momento non ho capito cosa comporterà questa mancata firma». E le opposizioni attaccano le ong. «Occorre sequestrare le navi delle ong che si rifiutano di avere polizia e controlli a bordo», sostiene il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. Luigi Di Maio (M5S) invoca una legge, invece del Codice. «La nostra proposta – spiega – prevede a bordo la presenza di unità con compiti di polizia giudiziaria. Il Pd ha i numeri per portarla in Aula: lo faccia e la voteremo». Renato Brunetta (Fi) chiede al ministro Minniti di «non accettare l’intervento delle navi delle Ong che non sottoscrivono il codice di condotta. Lo Stato italiano ha una sua sovranità». Dalla parte delle ong si schiera invece Nicola Fratoianni segretario nazionale di Sinistra Italiana, che definisce il Codice «inaccettabile».

Ti potrebbero interessare anche:

Alitalia, ultimatum del governo, o accordo o 15mila a casa
Renzi a Hollande: contro Isis serve grande coalizione. Italia conferma i suoi impegni
Unioni civili, primo sí in Senato. Decisivi i voti di Verdini
Cassazione: "I migranti devono conformarsi ai nostri valori"
Lega-M5S quasi d'amore e d'accordo. Manca il premier
Berlusconi positivo al Coronavirus



wordpress stat