| categoria: Roma e Lazio

DIETRO I FATTI/ Se il Comune non incassa andiamo tutti a fondo

Sulle sorti del Campidoglio grava il macigno dei conti, in rosso spinto. E’un fenomeno antico, se si può dire. Ma in passato le soluzioni si trovavano e il governo centrale si dimostrava comprensivo e tollerante. Oggi l’amministrazione Raggi si trova sul groppone i vecchi, consistenti debiti del passato e una preoccupante incapacità di gestire la quotidianità. Ma c’è di più e di peggio.Il Comune non incassa tutto quello che dovrebbe incassare. E se il Campidoglio non incassa andiamo tutti a fondo. Illuminante e documentato in proposito un dotto articolo pubblicato qualche giorno fa il Sole24Ore, che bene fotografa la sconcertante realtà, raccontando della lunga catena di pancati pagamenti, che inizia dal fenomeno dei “portoghesi” sugli autobus, per arrivare lontano, ai vertici di Comune e partecipate. Carta canta, dicono gli anziani. E hanno ragione. I bilanci riportano e articolano. I buchi restano Qualche esempio: l’anno scorso Roma Capitale ha previsto entrate tributarie per 2,6 miliardi abbondanti, ma in cassa sono arrivati 904 milioni in meno. Possibile? Una cifra per tutte: dei 799,8 milioni attesi, solo 230,6 (il 29% scarso) si è fatto davvero vedere, mentre il resto si è trasformato in arretrati. Altra nota dolente, quella di canoni e multe: tra divieti di sosta, eccessi di velocità, occupazioni abusive di suolo pubblico, nel 2016 i vigili urbani hanno staccato verbali per 381 milioni di euro, ma in cassa sono arrivati poco più di 95 milioni, cioè il 25% scarso. Sintesi: tra tasse, multe e canoni restano da recuperare 1,38 miliardi abbondanti, i «residui attivi». Il loro elenco analitico, allegato al consuntivo, occupa 1.773 pagine fitte di tabelle.
Dell’Atac manca il bilancio 2016, così come le stime puntuali sui tassi di evasione. Le ultime parlano di mancati pagamenti intorno al 40%, e l’incrocio dei dati con Atm, l’azienda milanese che per dimensioni rappresenta l’unico termine di confronto adeguato, conferma il problema: all’Atac ogni chilometro percorso fa incassare 1,73 euro, all’Atm si arriva a 2,49 euro, il 44% in più. Scarse entrate, scarse risorse. E chi paga i fornitori e rassicura i creditori? Se il sistema non funziona tutto traballa e finisce per travolgere pubblico e suonatori. Atac nel 2016 ha liquidato le fatture con un ritardo medio di 256,5 giorni, più o meno come l’anno prima, e ha 247 milioni di debiti commerciali da saldare nei confronti di 1.190 fornitori. Ma nella lista dei creditori (non commerciali) c’è anche il Campidoglio, che dall’azienda dei trasporti aspetta 540 milioni. Entro settembre, quando andrà approvato il bilancio consolidato (si veda Il Sole 24 Ore di domenica), il Comune dovrà mettere ordine in un elenco sterminato di crediti e debiti verso le partecipate: deve quasi 1,7 miliardi alle sue società, ma aspetta da loro pagamenti per 1,6 miliardi. In prima fila c’è Ama, che ha un debito verso il Campidoglio da 855 milioni, ma nello stesso tempo vanta un credito nei confronti del Comune ancora più alto: 948 milioni. Acea deve pagare al Comune 139,2 milioni ma ne aspetta 192,8, e gli incroci proseguono per tutti i rami fino alle partecipazioni più piccole: il Comune deve 3,5 milioni al Teatro dell’Opera, e più o meno la stessa cifra al Bioparco; 1,8 milioni di debiti comunali “cinematografici” sono divisi fra la Film commission e la Fondazione Cinema per Roma, mentre all’Accademia di Santa Cecilia il Comune deve quasi un milione e 268mila euro devono andare al Museo della Shoah. Basta così. Il quadro schizzato dal Sole24 ore è

Ti potrebbero interessare anche:

Tassa di soggiorno, ritorna l'incubo. "Una stangata"
Campidoglio, Pd col fiato sospeso. Marino convoca un'altra giunta alle 19.30
In troppi rinunciano alla reperibilità, braccio di ferro tra il comando e i vigili romani
Blocco auto? La mobilità individuale garantita dal car sharing
Clochard partorisce in strada aiutata dalla polizia: il Papa le offre ospitalità
FILO DI NOTA/ Cassonetti non svuotati per colpa delle auto in doppia fila?



wordpress stat