| categoria: economia

Rcs, Intesa convince le banche. I risparmi del gruppo sul debito

Risparmi in arrivo per Rcs Mediagroup: come previsto dall’accordo già sottoscritto con Intesa Sanpaolo lo scorso 5 luglio, il debito dell’editore del Corriere della Sera è stato ufficialmente rifinanziato attraverso l’intervento di un pool di banche che vedono Banca Imi (gruppo Intesa Sanpaolo) quale banca organizzatrice, agente e coordinator, la stessa Intesa Sanpaolo come finanziatore e Bpm (gruppo Banco Bpm), Mediobanca, Ubi Banca e Unicredit banche organizzatrici e finanziatori.

In soldoni, Intesa Sanpaolo, già intervenuta a fianco di Urbano Cairo nella vittoriosa battaglia per il controllo di Via Solferino l’estate scorsa che portò l’imprenditore alessandrino a salire all’attuale 59,83% di capitale, è riuscita a convincere le altre banche del pool che aveva originariamente fatto credito a Rcs ad aderire alla ristrutturazione e rifinanziamento del debito stesso, operazione che consente a Rcs di ottenere uno sconto sugli interessi, essere sottoposta a minori covenant (impegni a garanzia dei creditori, ndr) e allungare la durata dei finanziamenti, dilazionando il rimborso del capitale.

Non che sia una novità assoluta, visto che il contratto di finanziamento era stato sottoscritto il 14 giugno 2013 ed era poi stato continuamente aggiornato (da ultimo il 16 giugno 2016, ossia un mese prima che il controllo di Rcs Mediagroup passasse dalla stessa Mediobanca e dagli azionisti “storici” a Cairo).

Ma quanto risparmierà l’editore alessandrino rispetto alle condizioni precedenti? Partiamo da un punto fermo: nel 2016 a fronte di ricavi totali per 968,3 milioni e di un Ebitda di 89,9 milioni, Rcs aveva registrato oneri finanziari netti pari a 30,3 milioni di euro. Per il 2017 il gruppo ha confermato come obiettivo un Ebitda di 140 milioni, oltre che un risultato netto “in crescita” e flussi di cassa “positivi e in crescita” e, per intanto, ha visto calare nei primi sei mesi a 13 milioni gli oneri finanziari netti dai 16,1 milioni dello stesso periodo dell’anno passato.

Il nuovo contratto prevede 332 milioni di euro di finanziamenti suddivisi su due linee di credito: la prima è una linea “term amortising” per un importo di 232 milioni (30 milioni meno del precedente finanziamento), la seconda una linea “revolving” per i restanti 100 milioni. L’accordo prevede un “tasso di interesse annuo, più favorevole di quello precedente, pari alla somma dell’Euribor di riferimento e un margine variabile a seconda del “Leverage Ratio” (Posizione finanziaria netta/Ebitda)”. Quanto esattamente potrà risparmiare Rcs dipenderà dunque dall’Ebitda che Cairo sarà in grado di “spremere” tagliando i costi, dato che questo determinerà il leverage ratio e pertanto lo spread sopra l’Euribor che verrà applicato. Una prima conferma dovrebbe venire già a fine anno, quando sarà possibile confrontare gli oneri finanziari del secondo semestre rispetto a quelli del secondo semestre 2016.

Dato però che nei primi sei mesi dell’anno Rcs ha già visto raddoppiare da 33,9 a 69 milioni di euro l’Ebitda (e ridursi l’indebitamento finanziario netto a 363,2 milioni dai 366,1 milioni di fine 2016) a fronte di ricavi in moderato calo a 471,7 milioni (dai 504,1 milioni dei primi sei mesi del 2016), le premesse perché questo spread sia contenuto, e dunque il risparmio si traduca in ulteriori milioni di euro in meno da pagare per Rcs Mediagroup, ci sono tutte.

Ti potrebbero interessare anche:

L'accordo per salvare Cipro? Un fallimento, e l'Eurozona è costretta a ridiscuterlo in fretta
La Fiat sposta la sede fiscale a Londra? Non è per non pagare le tasse
Disoccupazione record a maggio. In autunno fine della recessione
Più tasse alle banche? Pagheranno i correntisti
Welfare, un Bonus Care per le donne che lavorano?
Dalla bolla cinese panico nelle Borse, l'Europa perde 411 miliardi



wordpress stat