| categoria: politica

Parlamento, sta per sparire il tetto agli stipendi d’oro dei dipendenti?

Si va verso un autunno caldo sindacale per i 2.000 superpagati dipendenti di Camera e Senato. Ipotizzarlo può sembrare irrispettoso soprattutto verso i milioni di Cipputi italiani che guadagnano 20/25.000 euro lordi l’ anno ovvero da 3 a 10 volte di meno rispetto a chi lavora in Parlamento. E tuttavia al di là delle semplificazioni giornalistiche il tema c’ è tutto, scrive il Messaggero.

Già perché in pochi sanno che negli ultimi tre anni i dipendenti delle Camere hanno subito una consistente riduzione dei loro stipendi ma la fase delle vacche magre (o, meglio, un po’ meno floride) scade il 31 dicembre 2017. E dunque la domanda che è rimasta nell’ aria nei corridoi chiusi per ferie di Montecitorio e Palazzo Madama è: cosa succederà in autunno? I tagli saranno confermati, attutiti o eliminati?
In ballo non ci sono bruscolini ma fior di milioni. Se sfuma il tetto – e alla Camera gli addetti ai lavori non vedono segnali di segno contrario – potrebbe accadere che più di qualche stipendio di Montecitorio possa impennarsi all’ insù di botto fra i 40 e i 100 mila euro lordi.

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi raddoppia: «Se avrò la maggioranza farò il condono tombale»
Berlusconi: "Senza schede nulle avremmo vinto, Bersani si mette nei guai da solo"
Legge Stabilità, Grillo: "Un voto da ladri, è dittatura con vaselina"
Province, trasferimenti e destinazioni, al via la roadmap
Il Cav lontano dalla scena: preparatevi, Renzi vuole votare
Referendum su appalti e voucher: si voterà il 28 maggio



wordpress stat