| categoria: esteri

Kenya, Ong: “24 morti in violenze post-voto”

Riot police prepare to advance towards protesters past burning barricades, during clashes between police and protesters in the Mathare area of Nairobi, Kenya Saturday, Aug. 12, 2017. Kenyan police opened fire to disperse opposition protesters throwing rocks who had blocked roads with burning barricades, a day after President Uhuru Kenyatta was declared the winner of Kenya's hard-fought presidential election. (ANSA/AP Photo/Ben Curtis) [CopyrightNotice: Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.]

Riot police prepare to advance towards protesters past burning barricades, during clashes between police and protesters in the Mathare area of Nairobi, Kenya Saturday, Aug. 12, 2017. Kenyan police opened fire to disperse opposition protesters throwing rocks who had blocked roads with burning barricades, a day after President Uhuru Kenyatta was declared the winner of Kenya’s hard-fought presidential election. (ANSA/AP Photo/Ben Curtis) [CopyrightNotice: Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.]

E’ salito ad almeno 24 morti il bilancio delle violenze che hanno pervaso il kenya dopo il risultato delle elezioni presidenziali. Lo afferma una Ong keniana dedita alla difesa dei diritti umani. Secondo il Kenya National Commission on Human Rights, 17 persone sono state uccise nella sola capitale Nairobi. Il conteggio, ha aggiunto l’ong, è basato su testimonianze e racconti di familiari. Secondo i media locali, fra cui The Star, durante la notte almeno 9 giovani sono stati uccisi dalla polizia a Kisumu, roccaforte del candidato perdente, Raila Odinga. La polizia kenyana afferma che le uccisioni sono da collegarsi a episodi di sciacallaggio. I corpi, scrivono i media, sono stati portati all’obitorio. Diversi i feriti: nell’ospedale di Kisumu sono ricoverate quattro persone con ferite di arma da fuoco e almeno altre sei con traumi da pestaggio. Alcuni testimoni, citati da The Star, affermano che agenti della polizia compiono pestaggi nelle case. Le tv mostrano poliziotti in assetto antisommossa e che fanno uso di cannoni ad acqua nel sobborgo di Kibera, alle porte di Nairobi, altro territorio che ha votato in massa per Odinga. Un uomo a Nairobi ha denunciato che la figlia di nove anni è rimasta uccisa da una pallottola vagante, stamane, durante gli scontri tra polizia e sostenitori dell’opposizione, dopo l’annuncio della vittoria di Uhuru Kenyatta alle presidenziali in Kenya. Wycliff Mokaya ha affermato che la figlia era al balcone di un edificio nella zona nord della capitale, “a giocare con i suoi amici, quando improvvisamente è caduta a terra”. In precedenza la polizia aveva reso noto di aver ucciso due persone durante scontri nella città di Kisumu

Uhuru Kenyatta è stato proclamato vincitore per un secondo mandato presidenziali nelle elezioni presidenziali tenutesi martedì, ha fatto sapere in serata la Commissione elettorale, e subito si sono sentiti spari e grida nelle strade in varie parti del Paese. Il leader dell’opposizione sconfitto, Raila Odinga, non riconosce l’esito delle urne, dichiarandolo nullo, compromesso da brogli.

Ti potrebbero interessare anche:

USA/Scivolone de Blasio, fa liberare conoscente arrestato
UCRAINA/ La Nato vara una forza militare di risposta rapida anti-Mosca
Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Giallo a New York, ucciso uno storico italiano
MIGRANTI/ Il premier finlandese mette la sua casa a disposizione dei rifugiati
ANALISI/ Iran, la vittoria dei riformisti. E di Obama



wordpress stat