| categoria: Dall'interno

BARCELLONA/ L’assassinio di Niccolò, già scarcerati 2 dei 3 ceceni accusati

Sono tre giovani ceceni di 20, 24 e 26 anni ad essere accusati di aver aggredito e ucciso Niccolò Ciatti. Il ragazzo di Scandicci (Firenze) è stato pestato a morte dentro a un locale di Lloret de Mar, vicino Barcellona. Due sono già stati scarcerati. Gli investigatori spagnoli stanno ricostruendo quello che è accaduto la notte tra venerdì 11 e sabato 12 agosto grazie anche alle immagini delle telecamere di sorveglianza. Sembra sia stato uno solo di loro ad avere iniziato a litigare con Niccolò e a sferrargli il primo pugno.

I tre sono accusati di omicidio dal Mossos d’Esquadra, la polizia catalana. La salma si trova ancora all’obitorio dell’ospedale di Girona, in attesa del’autopsia. Gli amici che si trovavano in discoteca con lui hanno raccontato di un aggressione violentissima, come del resto si vede anche dalle immagini delle telecamere interne. Hanno descritto il dramma dell’amico, rimasto a terra sotto i calci e pugni dei tre aggressori:

Ti potrebbero interessare anche:

SCUOLA/Gli insegnanti vengono assunti, ma oltre 30mila docenti precari vengono spostati al Nord
Il Papa abbraccia Abu Mazen, sante due suore palestinesi
RIMINI/ Stop ai minorenni e 68 telecamere, riapre il Cocoricò
Gemelli a Potenza per essere interrogato
MIGRANTI/ Telefono azzurro, scomparsi 5200 minori in sei mesi
Il Papa alla Fao: "Patto sulle migrazioni per superare i conflitti"



wordpress stat