| categoria: Dall'interno

Tenta di affogare il figlio in mare, arrestato

Cuoco ucraino fermato a Recco. Bimbo salvato da madre e bagnanti
Un cuoco ucraino di 27 anni è stato arrestato dai carabinieri dopo che in preda a un raptus mentre era ubriaco ha tentato di annegare in mare a Recco, sulla riviera ligure, il figlio di 8 anni della sua compagna. La coppia, residente a Gallarate (Milano), è in vacanza da 2 giorni. Il piccolo, salvato dalla madre con l’aiuto dei bagnanti e del bagnino, non è in pericolo di vita ma sotto choc. E’ stato affidato ai medici del 118 che l’hanno trasferito al pronto soccorso pediatrico Gaslini di Genova: i medici lo hanno ricoverato diagnosticandogli un forte stato di choc e difficoltà respiratorie a causa dell’acqua di mare ingerita. I carabinieri di Santa Margherita lo hanno arrestato per maltrattamenti indagandolo anche per tentato omicidio. A scatenare il raptus sarebbe stata la decisione della donna di non dargli più soldi per acquistare di altri alcolici. Le indagini proseguono con il coordinamento del magistrato di turno Paolo Gatti.

Ti potrebbero interessare anche:

Gli slip? Si cambiano ogni 4 giorni. Parola di ministro (Clini): si risparmia acqua ed energia
VENEZIA/Per la prima volta ha l'elisuperficie di soccorso
MALTEMPO/ Torrente esonda in Calabria e spazza via la ferrovia
SMOG/ Frosinone "avvelenata", gli sforamenti a quota 111
Bollette a 28 giorni, l'Antitrust invia la Finanza nelle sedi degli operatori tlc
Emergenza rifiuti negli ospedali: «La raccolta ferma da 4 giorni»



wordpress stat