| categoria: esteri

A Barcellona striscione ‘No Tinc Por’

Protests against terrorism in Barcelona‘Non ho paura’, al corteo partecipa anche re Felipe contestato al suo arrivo e fischiato durante la manifestazione
Decine di migliaia di persone, una marea umana che riempie l’enorme e centralissimo Passeig de Gracia, partecipano alla grande manifestazione di Barcellona contro il terrorismo e in memoria delle vittime degli attentati della Rambla e di Cambrils. Alla marcia, deinita “storica” dai giornali spagnoli, partecipa anche re Felipe VI, che al’inizio è stato fischiato mentre il presidente catalano Carles Puigdemont è stato applaudito.

Un unico enorme striscione bianco con la scritta “No Tinc Por”, ‘Non ho paura’, portato da 75 rappresentanti dei servizi di sicurezza e di emergenza di Barcellona, ha apero la grande manifestazione. Una folla enorme ha invaso l’immenso viale dei negozi della capitale catalana. Molte le bandiere dell’indipendenza catalana.

Al corteo partecipano, oltre al re Felipe VI e al presidente catalano Carles Puigdemont, il premier Mariano Rajoy e tutti i principali leader politici spagnoli. Un coro di fischi e grida di “Fora! Fora!”, “Fuori! Fuori!”, hanno accolto l’arrivo di re Felipe VI nel Passeig de Gràcia. Gruppi della sinistra indipendentista catalana hanno contestato la presenza di “Felipe di Borbone”, simbolo dello Stato spagnolo da cui chiedono di separarsi con il referendum annunciato per il 1 ottobre, e hanno tenuto una manifestazione alternativa prima di quella ufficiale ‘unitaria’.

Sono stati necessari sette autobus per trasportare il gran numero di leader politici spagnoli al Passeig de Gracia di Barcellona, dove alle 18 e’ iniziata la grande manifestazione contro il terrorismo.

Ti potrebbero interessare anche:

Madrid e Vienna rompono un tabù, dialogo con Assad
Netanyahu nel mirino, l'opposizione attacca: si dimetta
Corea del Nord spara proiettili a corto raggio in mare
Kerry a Hiroshima, fiori al memoriale ma non scuse. Preludio per una visita di Obama?
La piccola Vallonia fa fallire i negoziati commerciali Ue-Canada
Pentagono ignora l'ordine di Trump: i transgender restano nell'esercito



wordpress stat