| categoria: società

Tecnologici e social, così i supermercati conquistano i Millennial

89b85dd710dc806a821b248791b0f654
Solo qualche anno fa si ipotizzava la fine dei negozi tradizionali, prevedendo che in breve tempo sarebbero stati sostituiti dalle vendite online, capaci di offrire prezzi più bassi, offerta più ampia e nuovi servizi più vicini alle esigenze dei consumatori. Qualcosa in questo senso sta accadendo con i servizi food ad esempio di Amazon (in America con Whole Foods) ma al momento nessun sorpasso nel momento in cui proprio i Millennial (25-40 anni) mostrano un apprezzamento “nuovo” e più forte, oltre a un’interazione che segue diverse modalità, nei confronti dei supermercati tradizionali.

Secondo un’indagine Censis, gli italiani in generale, ma soprattutto i Millennial, vedono le unità di vendita come vere e proprie piattaforme relazionali ad alta intensità di tecnologia, capaci di promuovere la personalizzazione e di facilitare la vita dei clienti, ovvero hub che condensano valore da intercettare.

Italiani e Millennial vedono i supermercati del prossimo futuro come aggregatori di prodotti e servizi sempre più diversificati, in particolare il 33% dei Millennial si aspetta di trovare al loro interno modalità più veloci e più semplici di pagamento – contro il 29% del totale degli intervistati – e il 31% sente la necessità di orari di apertura più flessibili e prolungati, contro il 26% del totale. Inoltre, il 28% vorrebbe ricevere offerte personalizzate direttamente sullo smartphone (vs il 21% del totale) e usufruire del servizio wifi all’interno nei negozi (27% dei Millennial vs il 18% del totale).

Per quanto riguarda invece l’utilizzo di siti, app e social network per venire a conoscenza di informazioni sulle iniziative della Distribuzione Moderna, il 31% dei Millennial consulta i diversi canali regolarmente, mentre la media italiana è del 21,5%. Inoltre, mentre il 21% dei Millennial interagisce con post e commenti, solo il 12% degli italiani dichiara di farlo. E infine, il 38% è venuto a conoscenza di promozioni e offerte interessanti attraverso le app scaricate, contro il 21% della media nazionale.

Ti potrebbero interessare anche:

E' Milano la città dove si legge di più
il 13 % dei teen agers condivide foto hot, manca consapevolezza dei rischi
Un italiano su 3 ha un animale in casa
Melania Trump, chic anni '60, sceglie lo stile Jacqueline Kennedy
CORTINA/ Arriva il maestro del tempio Shaolin: meditazione, medicina cinese e arti marziali
La crisi cambia le città: meno negozi, più Street food e B&B



wordpress stat