| categoria: sanità Lazio

Vaccini Lazio/ “Al via anno scolastico senza problemi. Già 90 mila le prenotazioni”

“Grazie all’autocertificazione regionale, ottenuta in collaborazione con il competente ufficio scolastico, questa mattina l’accesso alle scuole è stato assolutamente regolare e non sono state riscontrate problematiche di nessun tipo”. A comunicarlo è la Regione Lazio che fa il punto sul primo giorno di scuola dall’introduzione delle nuove regole sui vaccini obbligatori.

La Regione fornisce anche alcuni dati in merito alle prenotazioni finora effettuate: “Sono quasi novantamila le prenotazioni che sono state richieste per bambini nati tra gli anni 2001 e 2016. Le vaccinazioni possono essere effettuate entro il 10 marzo 2018: sarà necessario dunque per i genitori accompagnare i bambini nella sede della Asl indicata al momento della prenotazione nel giorno indicato. Di queste prenotazioni oltre 72mila provengono dalla città di Roma (50.322 per la fascia da 0 a 6 anni, e 22.203 per la fascia da 7 a 16 anni) e le restanti dagli altri Comuni del Lazio”.

La Regione ricorda che è possibile scaricare il modulo per l’autocertificazione sul sito www.regione.lazio.it/vaccini e che tutti i Call center e i servizi dedicati a questo tema di ogni azienda sanitaria del Lazio sono stati potenziati per offrire ai cittadini tutte le informazioni e chiarire eventuali dubbi. “Si ringraziano – conclude la nota della Regione Lazio – per l’attiva collaborazione il personale di tutte le scuole che hanno iniziato l’attività e i genitori: nel Lazio i dati dimostrano che le vaccinazioni obbligatorie sono superiori alla media nazionale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Muore in ospedale durante Tac, inchiesta a Latina
L'Umberto I manda a casa i malati di Sla?
Ipasvi a Zingaretti: c'è un'emergenza infermieri, si rischia un blocco delle attività
La Regione: al S.Giovanni nascerà un polo oncologico avanzatissimo
Allarme per i duemila lavoratori a rischio della Capodarco, la Regione fa orecchie da mercante
Precari Asl di Latina: si va verso il ricorso



wordpress stat