| categoria: economia, Senza categoria

WELFARE: POLETTI, 20 MILIONI DAL 2018 PER I SENZA FISSA DIMORA

«Basta parlare di emergenza, ma costruiamo una rete permanente di soggetti che affrontino quelle che sono ormai problematiche quotidiane differenti e che necessitano di essere considerate singolarmente». Lo ha detto il ministro del Lavoro e Politiche Sociali Giuliano Poletti, che ha partecipato ad una «giornata» al centro d’accoglienza «Madre Teresa» di Roma, una struttura per senza fissa dimora, con la Federazione Italiana Organismi senza dimora (fio.PSD). Una occasione per parlare di fondi (20 mln) che si potranno utilizzare dal 2018 e per tracciare un bilancio ad un anno dalla firma del protocollo d’intesa tra il ministero e la federazione, «per dare voce a coloro i quali subiscono sulla propria pelle ogni giorno, il disagio di vivere per strada». «È fondamentale – ha continuato Poletti – pensare in prospettiva futura e per questo per la prima volta a partire dal 2018 una quota del Fondo povertà pari a 20 milioni di euro finanzierà gli interventi e servizi in favore delle persone in povertà estrema e senza dimora». Si tratta, spiega una nota, di una novità significativa, non solo per il carattere strutturale, e quindi stabile, dei finanziamenti, ma anche perché tali risorse si sommano a quelle già stanziate dai fondi comunitari che, grazie al modo in cui ne è stato programmato l’utilizzo, mettono a disposizione nell’attuale periodo di programmazione 2014-20 (con possibilità di spesa fino al 2023) circa 100 milioni di euro da destinare agli interventi di contrasto alla grave marginalità. «Nell’esperienza italiana – ha evidenziato Poletti – si tratta del primo intervento nazionale, peraltro di natura strutturale, per contrastare la povertà estrema e la condizione di senza dimora, che supera l’approccio emergenziale adottato finora a livello locale ». Ad aprire i lavori della conferenza, che nello stile di fio.PSD ha seguito un carattere «informale con i partecipanti seduti sui cartoni, che a volte purtroppo caratterizzano l’unico riparo per chi vive per la strada», la presidente Cristina Avonto che ha evidenziato soprattutto la necessità di esigere per tutti «dignità» e «diritti». «fio.PSD attraverso il NetworkHousing First ha aiutato più di 500 persone inserendole in appartamenti sul mercato privato, perché la vera sfida è rendere i soggetti interessati, persone e non utenti dei servizi». I presenti hanno sottolineato il desiderio di lavorare ed essere autonomi, benchè strutture come quella che ha ospitato l’iniziativa, sia un importante punto di riferimento, come evidenziato anche da Laura Baldassarre, assessora del comune di Roma Capitale, alla Persona, Scuola e Comunità solidale, che ha citato gli ultimi dati relativi alla gestione del Centro (finanziato dallo stesso Comune di Roma Capitale) della cooperativa «Il Cigno», che ospita circa 80 persone. «Noi siamo qui a testimoniare l’importanza di esserci e di voler continuare a lavorare per il bene comune – ha detto la Baldassarre – Sono tante le realtà che operano a Roma Capitale, dando soprattutto dignità ai soggetti interessati purtroppo da condizioni di povertà estrema». «Il comune – ha sottolineato ancora l’assessora – da tempo ha avviato un percorso di condivisione con gli operatori del settore (Roma ascolta Roma), proprio per entrare più approfonditamente nel dettaglio delle problematiche e rafforzando tra l’altro la sala operativa sociale, attiva h24». L’assessora, ha annunciato anche un progetto in cantiere di co-housing, che prevede l’avvio di un condominio solidale rivolto soprattutto agli anziani. Presenti all’iniziativa, molto partecipata dalle domande dei senza dimora della struttura, anche il responsabile di struttura della cooperativa «Il Cigno» Carmelo Borgia e Angelo Marano, direttore del Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute di Roma Capitale.

Ti potrebbero interessare anche:

Depressione bipolare, "tradotta" per l'Italia la scala di Berk per la diagnosi precoce
FISCO/ La Finanza scopre un evasore per 50 milioni di euro
CIVITAVECCHIA/Comprava a Roma per rivendere in provincia, arrestato pusher
Terme di Civitavecchia, si muove il sindaco Cozzolino
E' emergenza personale anche al Grassi di Ostia, ma la Asl RmD non provvede
Le Poste scommettono sulla finanza: 200 milioni a Mps per il pacchetto di Anima



wordpress stat