| categoria: esteri

Weinstein ha tentato il suicidio? Lo scandalo si allarga ad Amazon

small_150208-223612_to0802110Il produttore travolto dallo scandalo molestie sessuali a Hollywood avrebbe tentato il suicidio. La figlia Lily Weinstein ha chiamato qualche giorno fa alle 9.30 del mattino il 911 annunciando che il padre stesse per suicidarsi. Riaccompagnato a casa dalla polizia l’uomo avrebbe “insultato” la figlia dicendole, come rivela Tmz: “Sei tu che stai peggiorando le cose”. Weinstein dovrebbe essere presto ricoverato in un centro di riabilitazione in Arizona. L’Academy degli Oscar ha intanto annunciato la prossima sospensione del produttore da membro dell’associazione.
intanto Roy Price, il capo della divisione intrattenimento di Amazon, e’ stato “sospeso con effetto immediato” dalla societa’ statunitense dopo l’accusa di molestie sessuali rivoltegli da Isa Hackett, la responsabile della produzione di “The Man in the High Castle”, uno degli show di punta degli studios.
La donna ha dichiarato al settimanale The Hollywood Reporter che Price, 50 anni, l’ha ripetutamente molestata nel luglio del 2015. Hackett ha fatto riferimento in particolare alle attenzioni rivoltele dall’uomo durante un viaggio in taxi verso una festa, nel corso della convention San Diego Comic-Con. Nonostante il suo rifiuto – la donna oltretutto e’ lesbica e sposata con la compagna – Price avrebbe insistito, fino a sussurrarle nell’orecchio la proposta di un rapporto sessuale. Hackett ha dichiarato di aver informato gli studios di Amazon del comportamento del capo, ma anche di non aver mai saputo degli esiti dell’indagine interna dell’azienda. La piu’ grande azienda internet del mondo e’ stata recentemente accusata anche dall’attrice Rose McGowan, secondo cui il presidente Jeff Bezos avrebbe ignorato le sue denunce riguardo Harvey Weinstein, il produttore hollywoodiano accusato di molestie da oltre 30 donne negli ultimi giorni. McGowan avrebbe informato Bezos dei comportamenti del magnate e chiesto che Amazon interrompesse la collaborazione con lui, ma sarebbe stata liquidata con la scusa che non c’erano prove contro Weinstein.

Ti potrebbero interessare anche:

Ucraina ricorda milioni di vittime Holodomor, carestia Stalin
Afghanistan: accordo sicurezza con Usa, tensioni su firma
SOCHI/ Nel Caucaso è caccia alle "vedove nere"
YEMEN/ Ribelli nel centro di Aden, preso il palazzo del presidente
Hebron, spari contro auto: morti due israeliani. Un palestinese ucciso dai militari
Clinton attacca Mosca: "Intelligence russa dietro il furto di mail



wordpress stat