| categoria: esteri

Catalogna, scaduto l’ultimatum: Madrid sospenderà autonomia

3311743_1525_spain_jpg_pagespeed_ce_Ahh4ktMO0R«Se prosegue la repressione e l’assenza di dialogo il Parlamento potrà procedere, se lo ritiene opportuno, a votare la dichiarazione formale di indipendenza, che non è stata votata il 10 ottobre»: ha risposto così, con una lettera, il presidente catalano Carles Puigdemont, che doveva chiarire la sua posizione dopo l’ultimatum del premier spagnolo Mariano Rajoy, scaduto alle 10. Se da un lato quindi il presidente della Generalitat, implicitamente, afferma che l’indipendenza non è stata ancora dichiarata, dall’altro minaccia di farlo.

Una risposta giudicata insoddisfacente, tanto che dopo pochi minuti il governo ha convocato un consiglio dei ministri per «ristabilire l’ordine costituzionale in Catalogna», come annunciato dal portavoce Inigo Mendez de Vigo, secondo cui «Puigdemont non ha risposto». Sabato sarà quindi attivato l’articolo 155 e sarà sospesa l’autonomia della Catalogna, si legge in un comunicato ufficiale.

Nel messaggio contenuto nella lettera di Puigdemont il presidente avvertiva che la Catalogna avrebbe attivato la dichiarazione di indipendenza, in caso di applicazione dell’articolo 155, su indicazione del Pdecat, il partito di maggioranza catalano: «Chiediamo che si revochi la sospensione della dichiarazione di indipendenza se lo stato applica l’articolo 155», ha indicato la leader del partito del presidente, Marta Pascal.

Nella lettera si insiste sul dialogo e il negoziato lamentando la repressione contro le aspirazioni indipendentiste della Catalogna. Repressione che si è tradotta nelle ultime ore nella detenzione dei presidenti dell’Assemblea Nacional Catalana e Omnium Cultural, Jordi Sánchez e Jordi Cuixart. Al tempo stesso Barcellonga mette in guardia Madrid sull’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione, che porterebbe alla dichiarazione di indipendenza. Le prime reazioni da fonti del governo spagnolo parlano di «ricatto inaccettabile» e avvertono: «L’unico responsabile dell’applicazione del 155 sarà il signor Puigdemont».

Intanto Tv3 riferisce che degli agenti della Guardia Civil spagnola in borghese stanno effettuando una perquisizione nel commissariato di Lleida dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana. Gli agenti spagnoli, che agiscono su mandato di un giudice di istruttore, intendono sequestrare le registrazioni delle comunicazioni interne del 1 ottobre, durante le operazioni di voto del referendum di indipendenza.

Ti potrebbero interessare anche:

Stati Uniti, Alabama: bimbo in ostaggio da 24 ore di un veterano del Vietnam
Francia, ipotesi di tassa sul vino: no dai socialisti
Siria, il presidente dell'Iran, Rohani, menziona l'uso di "agenti chimici"
Gaza, la guerra va avanti, lutto in Israele per il bimbo ucciso
Burkina Faso nel caso, scoppia la rivolta contro il presidente
TRUMP AVVERTE PYONGYANG, PRONTI A UNA GUERRA PREVENTIVA



wordpress stat