| categoria: esteri

Kamikaze contro un hotel a Mogadiscio: morti e feriti

3331366_1700_mogadiscio_jpg_pagespeed_ce__H2WEcAeICAlmeno dieci persone sono morte e otto ferite per la doppia esplosione di un’autobomba a Mogadiscio, che si presume fosse guidata da un kamikaze, davanti al Nasa-Hablod hotel, vicino al palazzo presidenziale e ad altri palazzi governativi. Dall’interno dell’albergo si sarebbero uditi dei colpi di arma da fuoco. Nell’area si è alzata una colonna di fumo, secondo quanto riporta la tv al Arabiya su Twitter. La seconda esplosione avrebbe colpito a pochi minuti di distanza, vicino alla sede del Parlamento somalo, non lontano dal Nasa-Hablod, frequentato da politici e funzionari di governo. L’attentato è stato rivendicato dal gruppo jihadista al Shabaab. I terroristi sono ancora all’interno dell’hotel, dove si continuano a sentire colpi di arma da fuoco.
Appena due settimane fa, la capitale della Somalia era stata colpita da un attentato, compiuto con la stessa modalità, davanti al Safari hotel, che fece più di 300 vittime. È stata la peggiore strage terroristica di sempre in Somalia. Dopo quell’attentato il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed aveva compiuto visite nei paesi della regione per cercare sostegno contro l’organizzazione integralista islamica degli al Shabaab, cellula somala di Al Qaida dal 2012, che vuole imporre una versione estrema della sharia, la legge islamica. Al-Shabaab non aveva rivendicato la strage ma le autorità sono convinte che sia stato opera loro.

L’hotel Nasa-Habloid era già stato obiettivo di un sanguinoso assalto nel 2016. Alla fine di giugno era stata fatta esplodere un’autobomba contro il suo cancello e almeno quattro terroristi avevano fatto irruzione nell’edificio, rimanendo asserragliati per ore. Il bilancio era stato di almeno 15 morti e 20 feriti, in gran parte civili.

Ti potrebbero interessare anche:

Nigeria, liberati i tre marinai italiani
FRANCIA/ L'elicottero finisce nel fiume, scomparso miliardario cinese
IL PUNTO/ Camerun, pista Boko Haram per i religiosi rapiti
Kerry media con Netanyahu. Hamas, l'intifada non si ferma
Texas, spari in chiesa: 26 morti. Il killer aveva litigato con la suocera
Francia: è morto Vincent Lambert



wordpress stat