| categoria: riceviamo e pubblichiamo

Quella molestia subita e raccontata…

molestiePensierino della domenica. Quella appena trascorsa non si può non definire una settimana molesta. Chiedersi come possa una molestia essere denunciata con tanto ritardo rispetto a quando la si è eventualmente subita è inutile; in un mondo ipocrita e ambiguo come il nostro siamo tutti sospesi in un eterno “borderline”, di qua o di là della linea a seconda delle convenienze dell’uno o dell’altro. La percezione di una “molestia” cambia anche a seconda della sensibilità di ognuno. Se la stai subendo hai due possibilità: accettarla (per qualsiasi motivo) o correre via e denunciarla subito o consegnarla all’oblio. Dopo anche solo un anno assomiglia a qualcosa di diverso. Dopo vent’anni lo è. E se domani tornando in ufficio troverete i colleghi restii a stringervi la mano, niente paura, sarà solo per timore di rivalse. Magari tra vent’anni. Stefano P.

Ti potrebbero interessare anche:

Le denunce sul degrado cadono nel vuoto, paga solo il cittadino. Che strano paese. E poi ti chiedono...
Cristo si è fermato a... Ebola
Il postino suonava due volte, oggi si paga un servizio che non esiste più e ti truffa
8 marzo, il taglio del nastro che non c'è. Ardea ancora senza consultorio
In difesa di Gabriele, bambino Down, penalizzato da una convenzione
Volo Libero, la giusta informazione in caso di sinistri



wordpress stat