| categoria: politica

Di Maio annulla il confronto Tv con Renzi: “Non è più lui il competitor”.

ll candidato premier del M5s Luigi Di Maio mette in discussione il confronto in tv con il segretario Pd Matteo Renzi previsto in prima serata domani su La7, nel programma Dimartedì condotto da Giovanni Floris. Lo afferma in un lungo post su Facebook dedicato alle elezioni regionali in Sicilia.

In un passaggio si legge: “Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva. Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione”. E aggiunge: “Il Pd è politicamente defunto. Il nostro competitor non è più Renzi”, ricordando come “a breve ci sarà una direzione del Pd dove il suo ruolo sarà messo in discussione”.

“Oggi Di Maio scappa. Mi spiace pensare che gli italiani rischino di essere guidati da un leader che è senza coraggio. Che ha paura di confrontarsi. Che inventa scuse ridicole” è la dura replica di Matteo Renzi su Fb. “Se un leader che vuole governare l’Italia ha paura di uno studio televisivo, semplicemente non è un leader. A domani, alle 21.30, su La7: se Di Maio ha un sussulto di dignità lo aspettiamo in studio. Altrimenti faremo con i giornalisti”, conclude del segretario dem .

E la reazione del partito non aveva tardato ad arrivare, per bocca del portavoce del partito Matteo Richetti: “La vicenda è talmente ridicola che ogni commento rovinerebbe questa commedia”.

“La fuga di Di Maio dal confronto che lui stesso aveva chiesto, è la dimostrazione più chiara dell’incredibile immaturità politica, personale e istituzionale di colui che si presenta come il leader dei 5 stelle”, così su Fb il deputato dem Michele Anzaldi che sottolinea anche che “Di Maio in quasi cinque anni da parlamentare e vicepresidente della Camera non si è mai confrontato con nessun altro esponente politico, in tv ha accettato esclusivamente monologhi. Continuerà così, in contesti mediatici protetti, post su facebook e interviste solitarie”. E sulle buche all’ultimo momento di Di Maio, oltre a Floris ne sanno qualcosa altri giornalisti come Gianluca Semprini e Michele Santoro.

Ti potrebbero interessare anche:

DROGA/Dl Lorenzin in aula con riduzioni di sanzioni
IL CASO/ La madre di Cuffaro chiede la grazia al Capo dello Stato. Lui: non lo sapevo, dissento
RIFORME/ Renzi punta a dividere le opposizioni. Recuperare Fi?
Fiducia sull'Ilva, ok a 1,8 miliardi di fondi. Ma 4000mila sono in solidarietà
Referendum, ora è scontro sulla data
MAFIA: CHIESTI 12 ANNI PER 'RE DELL'EOLICÒ NICASTRI



wordpress stat