| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Tre funzionari della dogana di Fiumicino arrestati per truffa e corruzione

I carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma con l’ausilio del Servizio Antifrode dell’Agenzia delle Dogane «Roma 2» hanno arrestato tre pubblici ufficiali dell’Agenzia delle Dogane «Roma 2» – Servizio Operativo Territoriale – dell’Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, facenti parte di un sodalizio criminale internazionale, operante tra lo scalo aeroportuale di Fiumicino e la Capitale.
L’accusa per le tre persone arrestate è, a vario titolo, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, tentata truffa aggravata ai danni dello Stato e corruzione. I tre funzionari – rispettivamente di 58, 61 e 62 anni – apponevano il timbro doganale, autorizzando alcuni cittadini cinesi al rimborso IVA su delle fatture relative a merce, per lo più capi di abbigliamento, scarpe e borse di note griffe, acquistata in Italia e fittiziamente destinata all’esportazione in Cina.

Le indagini svolte dai carabinieri hanno consentito di accertare che gli arrestati, su richiesta dei cittadini cinesi, omettevano di controllare i requisiti che il viaggiatore avrebbe dovuto possedere al fine di ottenere il citato rimborso IVA. Precisamente, non controllavano la merce oggetto della fattura e non verificavano l’esistenza di un biglietto aereo valido con destinazione verso un paese che si trova al di fuori della Comunità Europea. Addirittura in un caso gli investigatori dell’Arma hanno accertato che un cittadino cinese nel giorno in cui ha ottenuto l’autorizzazione al rimborso IVA presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino, di fatto si trovava all’estero a bordo di un aereo facente tratta cinese tra Wenzhou e Pechino.

Grazie alle attività tecniche eseguite, unitamente ai servizi di osservazione e controllo, i carabinieri, già nel corso delle indagini, hanno potuto arrestare nel luglio del 2016 uno dei funzionari doganali e una cittadina cinese in flagranza del reato di corruzione, il pubblico ufficiale infedele è stato, infatti, sorpreso mentre riceveva la somma di 6.600 euro in cambio di 42 fatture timbrate. Oltre alla donna arrestata sono stati identificati altri 23 cittadini cinesi, iscritti nel registro degli indagati, che nel tempo grazie alla complicità dei funzionari corrotti hanno tentato di truffare lo Stato italiano provando a farsi autorizzare il rimborso IVA per numerose fatture.

Durante l’indagine sono state bloccate circa 40.000 fatture ingiustamente autorizzate, tutte emesse tra il 2014 e il 2016, per un valore complessivo di 2.260.000 euro che se fossero state effettivamente rimborsate avrebbero prodotto un danno erariale allo Stato Italiano di circa 500mila euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Emozione e folklore, Cristicchi canta la famiglia
IL PUNT0/ Attesa e polemiche per il discorso di Napolitano
Corteo dei movimenti, delegazione da Nieri e tende ai Fori Imperiali
Mozione FDI-AN sull'azienda della famiglia Renzi: se irregolarità renda i soldi
Francesca Cipriani esagera sul red carpet di Venezia. E finisce sul Daily Mail
Verdini perde pezzi in Parlamento: in sette a un passo da FI



wordpress stat