| categoria: sanità

L’Irccs Neuromed inaugura la nuova Piattaforma Ambulatoriale

front4314423Una struttura accessibile e funzionale per diagnosi e terapie sempre più a misura di paziente, costruita secondo i più avanzati criteri di sicurezza e rispetto dell’ambiente. È questa la carta d’identità della nuova Piattaforma Ambulatoriale che l’Iirccs Neuromed di Pozzilli ha inaugurato venerdì 27 ottobre alle 16,30 con una cerimonia che vedrà la presenza di Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo.

“Con la sua nuova Piattaforma Ambulatoriale, Neuromed ridisegna il percorso diagnostico e terapeutico con un modello assistenziale specializzato che segue i nuovi bisogni dei pazienti e attraverso una concezione architettonica moderna, basata su criteri di umanizzazione, compatibilità ambientale e massima sicurezza. Alla base del progetto un’idea innovativa di come l’ambiente sanitario viene vissuto nell’ambito di percorsi orientati all’attività diurna e ambulatoriale”, spiega una nota dell’ufficio stampa dell’Istituto.

Il risultato è un percorso unitario, nel quale l’accessibilità e la vicinanza delle varie risorse è finalizzata a ridurre gli spostamenti all’interno della struttura, sia ai pazienti che al personale. Una dimensione umana completata dall’ampio uso di superfici trasparenti, dall’impiego massiccio di materiali ecosostenibili e dall’integrazione con il contesto paesaggistico.
La sicurezza e l’impatto ambientale sono infine al centro di tutto il progetto. Dal punto di vista sismico, la nuova struttura è classificabile in categoria S4, quindi in possesso delle capacità di resistenza richieste per costruzioni “strategiche”. L’efficienza energetica è ai livelli più alti, con l’integrazione tra un impianto di trigenerazione, un impianto fotovoltaico ed un impianto solare termico.

Ti potrebbero interessare anche:

Scatta l'obbligo di polizza per 200 mila medici
lss: le sigarette elettroniche non sono innocue, bene il rigore dell'Oms
Eterologa, in Lombardia sarà a pagamento
Allarme dei cardiologi, con il taglio dei reparti italiani a rischio
Infezioni ospedaliere,fino a 2100 morti prevenibili all'anno
Vaccini, resta l'obbligo per 10 su 12. Ok dall'Istituto Superiore di Sanità



wordpress stat