| categoria: sanità Lazio

S. GIOVANNI ADDOLORATA/ CON PEDIUS LE PERSONE SORDE COMUNICANO CON L’OSPEDALE

L’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata (AOSGA) diventa il primo ospedale in Italia a rendere i propri servizi telefonici accessibili alle persone sorde.
Grazie alla collaborazione con PEDIUS, un’applicazione che permette alle persone sorde di telefonare, i pazienti potranno comunicare direttamente con gli operatori del Centralino, dell’URP e del servizio Intramoenia, per richiedere informazioni o per prenotare prestazioni sanitarie, autonomamente e senza intermediari. Basta scrivere un messaggio e PEDIUS lo tradurrà in voce grazie ad un suono artificiale, dall’altra parte le parole dell’operatore verranno trasformate in testo e l’utente potrà leggerle sul display del suo telefono.
“L’attivazione di un canale comunicativo facilitato per le persone sorde – dichiara il Direttore sanitario aziendale dell’AOSGA, Antonio Fortino – è un segno concreto della sensibilità che il nostro Ospedale vuole dare nella direzione della piena accessibilità e continuità delle cure e dell’umanizzazione dei servizi, che è fatta di tante grandi e piccole attenzioni. Le nuove tecnologie informatiche sanitarie ed anche, come in questo caso, non direttamente sanitarie, stanno contribuendo a creare forme aperte di contatto e di fruizione dei servizi, superando barriere e disagi tradizionalmente presenti. Soprattutto le strutture di grandi dimensioni e di alta specializzazione che finora sono state le più difficili da raggiungere avranno la possibilità di ridurre le distanze dai questo tipo di bisogni degli utenti. Per queste ragioni – conclude Fortino – abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa, coinvolgendo attivamente il personale che opera negli uffici di diretto contatto col pubblico che ha preso parte alla formazione e all’attivazione del servizio”.
PEDIUS nasce con l’obiettivo di abbattere le barriere della comunicazione per le persone non udenti grazie alla tecnologia. Sono diverse le aziende che PEDIUS ha coinvolto nella sua visione, da vari Comuni Italiani e Polizia Locale, alla Protezione Civile di Roma Capitale, ad aziende come TIM, BNL Gruppo BNP Paribas e AXA Assistance Italia. Oggi si aggiunge alla lista dei servizi utili contattabili tramite PEDIUS anche un importantissimo polo sanitario, nel centro della Capitale.
“La Collaborazione con l’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata è molto importante dal punto di vista dei servizi essenziali rivolti al pubblico. Poter chiamare un ospedale è qualcosa che viene dato per scontato. Purtroppo non è così per chi ha una disabilità uditiva. Una delle motivazioni che ci ha spinto ad andare avanti con il nostro progetto è stata proprio la testimonianza di una ragazza sorda, incinta, che si trovava a casa da sola ed ha avuto un malore. Con PEDIUS è riuscita a mettersi in contatto con il medico e dopo qualche ora è nato il suo bambino!” Afferma il fondatore di PEDIUS, Lorenzo Di Ciaccio.
La collaborazione tra l’Ospedale San Giovanni Addolorata e PEDIUS è stata realizzata grazie a TIM che promuove i progetti di PEDIUS dal 2013, anno in cui l’ha selezionata tramite TIM WCAP, il programma aziendale dedicato all’innovazione digitale.

Ti potrebbero interessare anche:

Unindustria prova a spiegare a Zingaretti cosa serve per salvare la sanità laziale
RIETI/Asl: la Figorilli ufficializza Greco alla direzione amministrativa e spara a zero contro Giana...
Umberto I, il direttore generale taglia corto: non c'è più il progetto per la nuova sede dell'ospeda...
Al via ospedale gestito da infermieri, test a Ladispoli
Conferma riconoscimento IRCCS: la Commissione visita il S.Lucia
SANITÀ, PAROLIN: «PER BAMBINO GESÙ PROGETTI AUDACI»



wordpress stat