| categoria: Scienza

Alzheimer, nuovo fallimento farmaco in test sull’uomo

A conferma del pessimismo che ha portato diverse aziende a rinunciare alla ricerca sul tema, un nuovo farmaco considerato promettente contro l’Alzheimer si è rivelato invece un fallimento nei test clinici. I risultati delle prove di fase 3 della idalopirdina sono stati pubblicati dalla rivista Jama, insieme ad un editoriale che invita a non gettare la spugna ma a concentrarsi anche su diagnosi precoce e prevenzione. Il farmaco agisce aumentando la disponibilità per il cervello di quattro neurotrasmettitori a cominciare dalla serotonina, e aveva dato risultati giudicati promettenti nei primi test sull’uomo sulla sicurezza. Il trial clinico decritto su Jama ha riguardato 2525 persone con Alzheimer da lieve a moderato. Nei pazienti non si sono visti cambiamenti nei test cognitivi o miglioramenti anche lievi nelle funzioni quotidiane a nessuna delle dosi testate. Sono ormai circa 400 i test clinici su terapie per l’Alzheimer che non hanno portato a risultati, sottolinea in un editoriale David Bennett, direttore del Rush University’s Alzheimer’s Disease Center di Chicago.

Ti potrebbero interessare anche:

Tumori, scoperta molecola che ne frena la crescita
Alzheimer, i 6 biomarcatori per scoprire se ci si sta ammalando
Gli amici veri? Gli esperti: sono solo la metà di quelli che si pensa di avere
Possibile craccare il codice del cervello che regola i 5 sensi
Alzheimer, un gioco con realtà virtuale per diagnosi precoce
Possibile bloccare il Parkinson, lo indicano test sulle cellule



wordpress stat