| categoria: Dall'interno

In aula con il velo, il giudice la fa uscire. Tar, praticante potrà tornare in aula coperta

“Chi interviene o assiste all’udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio”. E’ la scritta su un foglio davanti ad un’aula del Tar di Bologna dove questa mattina ad una giovane praticante avvocato che indossava il velo hijab è stato chiesto dal giudice di toglierselo, oppure uscire. Secondo quanto riferito da alcuni presenti la giovane, marocchina, a quel punto si è rifiutata di scoprirsi il capo e si è allontanata.

Tar, praticante potrà tornare in udienza col velo – Asmae Belkafir potrà tornare nelle aule del Tribunale amministrativo di Bologna indossando il velo hijab, senza nessun problema. Lo ha assicurato il presidente del Tar di Bologna Giuseppe Di Nunzio, quando l’avvocato Lorenzo Canullo, dirigente dell’ufficio legale dell’università di Modena e Reggio Emilia, lo ha chiamato per parlare di quanto successo in mattinata durante un’udienza alla seconda sezione: la marocchina che fa pratica proprio all’ufficio legale in mattinata è dovuta uscire dall’aula.

Ti potrebbero interessare anche:

Valanga sulle Alpi Marittime, due morti
FEDERALBERGHI/ Quasi tredici milioni di italiani in vacanze per le feste
BOLOGNA/ Collettivi ancora contro il politologo Panebianco, irruzione durante la lezione
Bambino effeminato: allontanamento sospeso. Verrà finalmente ascoltato.
Venezia, scrive "scuola" con la "q": maestra licenziata
GELICIDIO/ La Tuscia chiede lo stato di calamità naturale



wordpress stat