| categoria: sanità Lazio

Riqualificazione Forlanini, approvato atto di indirizzo : ospiterà servizi di interesse pubblico

front4070632L’ex Ospedale Carlo Forlanini sarà restituito alla città di Roma e ospiterà “servizi di interesse pubblico negli ambiti sociosanitario, sociale, culturale e funzioni di formazione e pubblica amministrazione”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha riferito i contenuti di un atto di indirizzo approvato oggi dalla Giunta regionale del Lazio. Il documento orienta le prossime azioni amministrative e gestionali per la valorizzazione dell’ex Ospedale Carlo Forlanini.“In questi mesi non siamo stati fermi: abbiamo messo a disposizione gli spazi esterni e gli ambienti dell’ex ospedale per lo svolgimento di manifestazioni culturali e cinematografiche e sostenuto lo svolgimento, al suo interno, di attività formative e di divulgazione da parte del Ministero dei beni e delle Attività culturali e del turismo (MIBACT)”, ha spiegato Zingaretti. “Abbiamo ascoltato i comitati, le associazioni e oltre due mila cittadini hanno partecipato alla nostra consultazione on line per decidere insieme il suo futuro. Dal sondaggio, è emersa l’esigenza di destinare parte degli spazi del complesso a servizi di interesse pubblico negli ambiti sociosanitario, sociale, culturale e funzioni di formazione e pubblica amministrazione. Con questa memoria di Giunta abbiamo recepito tutte le indicazioni che sono arrivate dai cittadini perché crediamo sia fondamentale scrivere insieme e condividere il futuro di uno dei più importanti progetti di riqualificazione urbanistica degli ultimi decenni”.“Con questo atto di indirizzo – ha proseguito l’assessore regionale al Bilancio Alessandra Sartore – oltre a ribadirne la fruizione pubblica specifichiamo che ci sarà un coinvolgimento comunità locali e delle associazioni del territorio, anche mediante l’ istituzione di un tavolo di confronto aperto per monitorare lo stato di avanzamento del progetto e condividere finalità e destinazione dei servizi riservati alla cittadinanza. Noi confermiamo la volontà di recuperare e riqualificare il complesso monumentale e il parco circostante, garantendo la proprietà pubblica e usufruendo di risorse pubbliche. L’attuale stato di conservazione e la sua riqualificazione strutturale e funzionale richiedono importanti finanziamenti a carico degli investitori pubblici da coinvolgere nel processo di valorizzazione patrimoniale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Idi, seconda fase della procedura di mobilità, entro venerdì pagata parte degli stipendi
Gruppo Garofalo, sciopero ad oltranza. I licenziamenti slittano di un mese
INTERVISTA/ Riabilitazione a cinque stelle alla Fondazione S.Lucia
Frosinone, sempre più precario il Pronto Soccorso, i Nas controllano
La Asl di Viterbo fa i conti e si scopre virtuosa
Tarquinia, arriva la banda ultra larga all'ospedale



wordpress stat