| categoria: economia

Scuola, firmato il nuovo contratto: aumenti da 80 a 110 euro

550x189x3537782_0847_prof_jpg_pagespeed_ic_xwRAjzLmRTÈ stato firmato all’Aran il primo contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca che interessa 1 milione e duecentomila tra docenti, personale ata, ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi. Gli aumenti salariali sono in linea con quanto stabilito dalle confederazioni con l’accordo del 30 novembre 2016; per la scuola da un minimo di 80,40 a un massimo di 110,70 euro; pienamente salvaguardato per le fasce retributive più basse il bonus fiscale di 80 euro.

«Firmato il nuovo #contratto della conoscenza, dalla scuola, alla ricerca, all’università, agli istituti artistici e musicali. Era giusto e doveroso», ha scritto la ministra della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, in un tweet seguito dagli hastag #valeriafedeli, #riforma Pa e un #Paese che cambia. Si tratta dell’accordo per il rinnovo, dopo quasi dieci anni di blocco, del contratto di circa 1,2 milioni di dipendenti del comparto.

Ti potrebbero interessare anche:

Abi, chi al posto di Mussari? Verso una "reggenza" provvisoria?
Evasione fiscale, mancati incassi per 500 miliardi
FOCUS/ Occhi della Ue sulla Germania, come far ripartire il cantiere in crisi
L'Italia esce dalla recessione: il Pil cresce dello 0,1%
MPS/ Passera ritira l'offerta, totale chiusura
Bankitalia, il Pd contro Visco: «Serve figura idonea per nuova fiducia»



wordpress stat