| categoria: Dall'interno, Senza categoria

DIVORZIO/ La sentenza della cassazione che mette fine ai sogni di Veronica

Rinunciare a una «carriera promettente» per accettare un lavoro part-time e dimettersi prima dei 50 anni «senza alcuna prova di costrizione o di tentativo di riprendere l’attività lavorativa» risulta essere una «libera scelta di vita» che non conta nel riconoscimento e nella quantificazione di un assegno di divorzio.

Lo si evince da una sentenza depositata in questi giorni dalla sesta sezione civile della Cassazione che sottolinea che a giustificare l’assegno di divorzio «non è di per sè, lo squilibrio o il divario tra le condizioni reddituali delle parti, all’epoca del divorzio, nè il peggioramento delle condizioni economiche del coniuge richiedente l’assegno rispetto alla situazione (o al tenore) di vita matrimoniale», ma la «mancanza della indipendenza o autosufficienza economica di uno dei coniugi, intesa come impossibilità di condurre con i propri mezzi un’esistenza economicamente autonoma e dignitosa».

In tal modo la Suprema Corte continua a definire, dopo la rivoluzionaria sentenza della scorsa primavera con cui è stato
escluso il tenore di vita goduto durante le nozze come parametro per la concessione dell’assegno di divorzio, le linee
giurisprudenziali da seguire nelle cause divorzili. Il nuovo parametro della mancanza di indipendenza economica «va
apprezzato – scrivono i giudici della Suprema Corte – con la necessaria elasticità e l’opportuna considerazione dei bisogni
del richiedente l’assegno, considerato come persona singola e non come ex coniuge, ma pur sempre inserita nel contesto
sociale. Per determinare la soglia dell’indipendenza economica occorrerà – si legge nella sentenza depositata oggi – avere
riguardo alle indicazioni provenienti, nel momento storico determinato, dalla coscienza collettiva e, dunque, nè bloccata
alla soglia della pura sopravvivenza nè eccedente il livello della normalità».

Con una seconda sentenza, sempre depositata in questi giorni, la Cassazione chiarisce inoltre che «di regola» la durata del matrimonio influisce «sulla quantificazione, ma non anche sul riconoscimento dell’assegno».

Ti potrebbero interessare anche:

Vigili, nominata una nuova commissione, l'iter del concorso può ripartire
Osteoporosi, patologia diffusa in oltre 80% delle donne over 65
Marijuana legalizzata in Uruguay diventa expocannabis
Un parco naturalistico all'ombra del carcere
Sara, l’ex fidanzato l’aveva già aggredita una settimana prima
SCUOLA: CRISI PARITARIE, CHIUDONO ALTRI 415 ISTITUTI



wordpress stat