banner speciale sanremo 2020
| categoria: primo piano

Venezia, crolla pilone sul ponte della Libertà

Venezia, crolla pilone ponte della Libertà

Venezia – 25 febbraio 2018- Il pilone crollato sul Ponte della Libertà, la strada d’accesso a Venezia

Crolla un pilone sul ponte della Libertà che collega Venezia con la terraferma. I vigili del fuoco stanno operando all’altezza del pilone 70 per liberare la strada dalle 11,25 per la caduta della struttura metallica della segnaletica stradale, cascata trasversalmente sulla carreggiata in direzione della città. Nessuno è rimasto ferito. Traffico ancora bloccato in entrambe le direzioni per il coinvolgimento dell’impianto di elettrificazione del tram. Sul posto stanno operando tre squadre dei vigili del fuoco con l’ausilio dell’autogru per il ripristino delle condizioni di sicurezza e il ripristino della viabilità. Atvo, la società di trasporti pubblici veneziana, ha predisposto un servizio sostitutivo portando i passeggeri a Mestre, per avere la possibilità raggiungere Venezia. «Questo – precisa – sia per chi arriva dagli aeroporti Marco Polo e di Treviso sia per tutte le persone che avevano comunque programmato di raggiungere Venezia». Anche ai pullman turistici è vietato il transito e i passeggeri sono scesi, incamminandosi a piedi verso piazzale Roma. Questione di ore e le comunicazioni viarie saranno ripristinate.

L’unica possibilità per raggiungere Venezia è prendere il treno. Tutti i mezzi pubblici, vista la strada interdetta, sono stati deviati verso la stazione ferroviaria di Mestre da dove è possibile prendere il treno, il solo modo per raggiungere la città lagunare. Al momento del crollo del traliccio stavano arrivando un bus di linea e un pullman di passeggeri che si è fermato in tempo, una trentina di metri prima. Subito dietro si sono fermati gli altri mezzi.

«Pochi secondi di differenza e saremmo stati travolti in pieno». È quanto ha raccontato un testimone che ha assistito al crollo del pilone su Ponte della Libertà che collega la terraferma a Venezia. «Abbiamo frenato per tempo – ha detto – grazie al fatto che i cavi del tram e alcuni tiranti hanno rallentato la caduta del cartellone».

Ti potrebbero interessare anche:

Censis: l'Italia, un paese fragile, stanco e smarrito
Iraq, nuovi raid Usa. Gli jihadisti circondano e minacciano 4.000 yazidi
Ventimiglia, la situazione precipita. Sgomberati i migranti
L'Isis rivendica l'attacco col machete a Charleroi
Italia sott'acqua, due dispersi e un morto. Adesso è allarme rosso nella pianura padana
Mezza Ue contro l'Italia, procedura di infrazione



wordpress stat