| categoria: sanità Lazio

Asl Roma 6, continuano i programmi di screening

Nel campo oncologico la diagnosi precoce è fondamentale per aumentare l’efficacia delle cure e le possibilità di guarigione. Per questo la Asl Roma 6 scende nelle piazze, tra i cittadini, per dare concreta attuazione alla Sanità di prossimità e offrire strumenti efficaci per identificare precocemente alcuni tipi di tumore, attraverso tre programmi di screening:Lo screening per la prevenzione dei tumori della mammella (donne da 50 a 69 anni); Lo screening per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero (donne da 25 a 64 anni);
Lo screening per la prevenzione dei tumori del colon retto (uomini e donne da 50 a 74 anni)
Le prossime tappe
L’esame per la prevenzione dei tumori della mammella viene effettuato all’interno dell’ambulatorio mobile. Per quanto riguarda la prevenzione dei tumori del colon retto, presso l’unità mobile dedicata è possibile ritirare l’apposito kit e riconsegnarlo uno o due giorni dopo, in base al calendario. I due ambulatori mobili della Asl Roma 6, nei mesi di marzo e aprile, saranno presenti a
· Ciampino fino al 13 marzo (dal 27 febbraio al 2 marzo presso la scuola media statale Umberto Nobile, via Mura dei Francesi, 174; dal 5 al 8 marzo, scuola elementare Albert Sabin, via dell’Acqua Acetosa, 10; dal 9 al 13 marzo presso la scuola elementare Tommaso Rossi, via Luigi Bleriot, 44)

· Grottaferrata dal 14 marzo al 5 aprile (dal 14 al 23 marzo nel piazzale del mercato, in viale San Nilo; dal 24 al 31 marzo presso l’istituto Domenico Zampieri, via Vecchia di Marino).
Gli esami per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero, invece (il Pap test per le donne da 25 a 29 anni e l’Hpv test per le donne da 30 a 64 anni), vengono eseguiti nel presidio ospedaliero H12 “San Giuseppe” di Marino (stanza 14, 3° piano); per le donne residenti a Lanuvio dal 28 al 14 marzo e, in seconda chiamata, per le donne residenti a Nemi, Ariccia e Lanuvio, dal 15 marzo al 11 aprile.
L’obiettivo: individuare precocemente eventuali patologie

I programmi di screening fanno parte dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), ossia dell’insieme di ​prestazioni erogate dalla sanità pubblica gratuitamente e durante tutto l’arco dell’anno. L’obiettivo è individuare un tumore o eventuali lesioni pre-tumorali in una fase precoce. In questo modo i possibili trattamenti e le cure diventano più efficaci e meno aggressivi.

Come aderire

La Asl Roma 6 spedisce per posta un invito con un appuntamento prefissato, per effettuare il test di screening in uno dei centri di riferimento; l’appuntamento può essere modificato telefonando al numero verde indicato nell’invito. È possibile anche recarsi spontaneamente, purchè si rientri nella fascia di età e si risieda nel Comune in cui è in corso lo screening.Il risultato del test viene spedito a casa per posta e se fosse necessario un approfondimento, si verrà contattati telefonicamente.È importante eseguire i controlli programmati e adottare un sano stile di vita, perché solo così la prevenzione è efficace e si ottengono benefici per la propria salute.

Ti potrebbero interessare anche:

Azione collettiva per il diritto dei malato di Alzheimer al recupero delle quote di degenza
La sanità nella Valle dell'Aniene? Va ripensata. L'ospedale di Subiaco? Ne parleremo. Lorenzin fa me...
Blitz dei consiglieri regionali di Fi al Goretti di Latina. Atto aziendale? Sogni irrealizzabili
Da marzo squadre di steward per l'accoglienza in otto Pronto Soccorso
Ci risiamo, l'Angelucci di Subiaco è ancora a rischio
Oltre 1.200 interventi di chirurgia toracica nel 2017 per l’Aou S.Andrea



wordpress stat