| categoria: spettacoli & gossip

OSCAR: RED CARPET A COLORI, LIBERE DI ESSERE SEXY

La moda è tornata a ruggire sul red carpet della 90ma edizione degli Oscar, con mises sensuali e colorate con le quali le dive di Hollywood sembrano aver lanciato un nuovo messaggio all’altra metà del cielo: libere di vestire come ci pare. Dopo il caso Weinstein infatti le star era apparse ai Golden Globe e ai Bafta vestite in nero per solidarietà alle donne vittime della violenza maschile e per supportare il movimento #Metoo. Ma sul red carpet degli Oscar è avvenuta una riscoperta del colore e di una sensualità più libera, senza censure di centimetri di pelle scoperti, da non confondere mai più con la disponibilità sessuale. Le attrici hanno abbandonato quasi in massa il total black, ma non il total white, a favore di colori solari come viola, blu cobalto, rosso, glicine, rosa, giallo. Una festa di colori che si è aggiunta ai look sensuali, rosa pelle (come l’abito Michael Kors di Zendaya Coleman)che ai più è sembrato voler dire: «diciamo basta agli uomini violenti ma non rinunciamo alla nostra femminilità». Una guerra ai pregiudizi a colpi di chiffon e di colori sgargianti, che nel mondo animale, del resto, costituiscono una delle prime attrattive sessuali. Le attrici sono tornate ad esibire la femminilità senza remore, attraverso tutti quegli espedienti sartoriali che negli abiti non nascondono il corpo delle donne e le sue curve viceversa lo esaltano: spacchi, scollature, trasparenze, grandi fiocchi sui punti caldi della silhouette. Insomma, gli abiti con le scollature generose o con le aperture vertiginose nelle gonne parlano di una nuova presa di coscienza delle donne dello spettacolo, portabandiera della ribellione al maschio molestatore, che dopo il momento della verità hanno bisogno di sentirsi libere di vestire come meglio credono, senza per questo essere giudicate. Sul red carpet degli Oscar è andata dunque in scena una sfilata di star vestite in abiti sgargianti, con profonde scollature sui decolleté o sulle schiene, spacchi inguinali, velature esotiche, anche quando l’età anagrafica consiglierebbe moderatezza. Vestiti griffati in palette cromatiche dal viola al glicine, dal rosso al rosa fino al giallo solare di Eiza Gonzalez in Ralph Lauren, con tanto oro, argento, disegni floreali, ricami scintillanti di cristalli Swarovski e paillettes in abbondanza. Così Salma Hayek ha scelto le trasparenze del glicine per il suo abito Gucci da dea indiana. Rosso fiammante per l’Oscar Allison Janney, per la divina Meryl Streep in Christian Dior e per Leslie Mann. Octavia Spencer era in verde bottiglia Brandon Maxwell. Nicole Kidman ha scelto un abito-bustier blu cobalto di Armani Privé. Viola melanzana per Ashley Judd. Azzurro avion per Helen Mirren. Jennifer Lawrence in abito metallico bronzo di Christian Dior. Jennifer Garner e Mary J. Blige in Atelier Versace. Sally Hawkins in Armani Privè, Sandra Bullock in Louis Vuitton, Zendaya in Giambattista Valli e gioielli Bulgari. Tra le star che hanno scelto il bianco c’erano invece Jane Fonda, Mary J. Blige, Laura Dern (Calvin Klein), Margot Robbie in abito-colonna di Chanel. Color oro come la statuetta trofeo o silver, sono stati scelti dall’Oscar come migliore attrice di Frances McDormand che vestiva in abito Valentino accollatissimo gold &black, da Sandra Bullock a Jennifer Lawrence, da Gal Gadot in Givenchy e gioielli Tiffany &Co. Infine abito Louis Vuitton nero e oro di Bullock è stato realizzato con 100.000 paillettes e 500 ore di ricamo a mano.

Ti potrebbero interessare anche:

Bob Dylan riceverà la Legion d'Onore
Sold out all'Olimpico per il ritorno a Roma di Eros Ramazzotti
Tra la vita e la morte la figlia di Whithey Houston
"One Direction", un fidanzata fa scoppiare il gruppo. E anche Harry potrebbe lasciare
Pino Daniele, un anno dalla morte. Napoli lo ricorda così
FOCUS/ LUIGI DE FILIPPO, SE NE VA UN MODO DI 'FARE' TEATRO



wordpress stat