| categoria: litorale, Senza categoria

Niente accesso alla spiaggia per i disabili, condannato il comune di Sabaudia

550x189x3606702_2041_passerellesabaudia_jpg_pagespeed_ic__UzA7YRqzA Con l’ordinanza dello scorso 12 marzo, resa pubblica in data odierna, il Tribunale di Latina, prima sezione civile, ha condannato il Comune di Sabaudia per condotta discriminatoria nei confronti delle persone disabili a causa della presenza delle barriere architettoniche presso il Lungomare che impediscono alle persone con disabilità di accedere alla spiaggia e al mare.La vicenda giudiziaria – promossa dall’Associazione Luca Coscioni e da Fabrizio Ghiro – trae spunto dalla inaccessibilità delle spiagge e del mare per tutti coloro che sono costretti, come Fabrizio Ghiro, a muoversi sulla sedia a rotelle. A causa della mancata rimozione delle barriere architettoniche, il Comune di Sabaudia è stato condannato a risarcire il danno cagionato a Fabrizio Ghiro (18mila euro) e all’Associazione Luca Coscioni (5mila euro).La decisione del Tribunale dimostra l’autentica via crucis che le persone disabili devono affrontare ogni giorno a causa della presenza delle barriere architettoniche sparse ovunque sul Lungomare di Sabaudia che impediscono a chi soffre di ridotte capacità motorie di accedere alle spiagge e al mare. Altro che Bandiera Blu, ormai a Sabaudia le persone diversamente abili vivono una situazione non più sostenibile, costrette a spostarsi da un luogo all’altro in modo non autonomo e dignitoso; una realtà rispetto alla quale la Giunta e il Sindaco Giada Gervasi devono cominciare ad assumersi per intero tutte le loro responsabilità in vista dell’imminente apertura della stagione estiva, visto e considerato che l’attuale Sindaco di Sabaudia durante la campagna elettorale aveva promesso un forte impegno della sua Giunta sul fronte dell’abbattimento delle barriere architettoniche al fine di garantire l’accesso all’arenile di tutte le persone affette da disabilità.L’Associazione Luca Coscioni si appella dunque al nuovo Sindaco del Comune di Sabaudia, al quale viene chiesto innanzitutto di impegnarsi affinché le opere indicate dal Tribunale di Latina vengano realizzate nei tempi prefissati (quattro mesi). In particolare, il Comune di Sabaudia dovrà installare nuove passerelle comunali o modificare quelle esistenti; predisporre percorsi perpendicolari alla battigia e dotarsi di impianti, pur mobili, di servizi igienici per i disabili, nonché di ausili tecnici per consentire alle persone con disabilità l’ingresso in acqua. Non solo, ma il Tribunale di Latina ha anche stabilito che il Comune di Sabaudia dovrà ordinare alle strutture balneari e ai chioschi di abbattere tutte le barriere architettoniche presenti al loro interno. Se la nuova amministrazione non si impegnerà fin da subito a rimuovere le barriere architettoniche presenti sul Lungomare, l’Associazione Luca Coscioni si rivolgerà agli organi competenti affinché venga revocata a Sabaudia la Bandiera Blu.

Ti potrebbero interessare anche:

E se alla fine riemergesse il governo delle larghe intese?
Remuntada o fallimento, il Barca al bivio
Il caso Salerno insegna, i veri colpevoli dell'orrore restano nell'ombra
Rifiuti, il ministro dell'Ambiente vuol far requisire gli impianti di Cerroni
SPERLONGA/ Corte dei Conti sull’hotel di Cusani: “Danno erariale da 600mila euro”
Referendum per separare Venezia da Mestre? Pd in ordine sparso



wordpress stat