| categoria: politica, Senza categoria

Camere-caos: Fi resta su Romani, stop da M5s: ‘E’ invotabile’

981799794efaf0454c6f4cc8daa714fbOre concitate in vista della riunione delle Camere di venerdì che ha all’ordine del giorno l’elezione dei presidenti. Forza Italia, in un vertice con i leader del centrodestra a Palazzo Grazioli, insiste sul nome del capogruppo azzurro uscente a Palazzo Madama, Paolo Romani. Ma dal Movimento cinque stelle, che ha rinviato la riunione con gli eletti anche per il complicarsi della partita, arriva uno stop. “Il Pd – scrive in un post Luigi Di Maio – si è rifiutato di partecipare al tavolo di concertazione proposto dal centrodestra, e lo stesso centrodestra continua a proporre la candidatura di Romani che per noi è invotabile”. Di Maio propone anche una riunione di tutti i capigruppo dei partiti in vista del voto.La riunione dei capigruppi delle forze politiche per le presidenze delle Camera, a quanto si apprende, si terrà questa sera alle ore 20 presso gli uffici del gruppo M5s alla Camera.
“Se si riparte nelle trattative si riparte”, spiega il leader della Lega Matteo Salvini parlando con i cronisti a Montecitorio. E’ tutto azzerato, quindi? “Mi sembra proprio di sì”, replica Salvini, che sulla possibilità che il Pd si sieda al tavolo sottolinea: “Penso di sì. Era quello che auspicavamo”.

“Cambino metodo e coinvolgano davvero tutti – ha detto il reggente del Partito Democratico Maurizio Martina, alla luce degli sviluppi del dialogo sulla presidenza delle Camere -. L’importante è non riproporre scelte precostituite e ragionare davvero di profili di garanzia. Finora lo schema che hanno usato sia centrodestra che Cinque stelle non ha dato uno sbocco utile e speriamo abbiano capito di avere sbagliato. Le massime cariche istituzionali devono essere patrimonio di tutti”.

Il niet M5s a Paolo Romani potrebbe avere uno sbocco con l’indicazione di un nome alternativo. A questo vertice seguirà l’assemblea degli eletti della Lega con Matteo Salvini. L’ipotesi che sta girando con insistenza è quella di un cambio di cavallo con il lancio di Anna Maria Bernini. Nome su cui potrebbe convergere M5s senza troppi strappi al suo interno.

Sul versante Pd, è prevista per questa sera l’assemblea degli eletti, alle 18. Con il tentativo di sparigliare le carte, chiedendo a cinquestelle e centrodestra di azzerare tutto per riprendere il filo insieme sulle presidenze di Camera e Senato. Cosa che, allo stato, sembra molto difficile, con il movimento di Di Maio che punterebbe alla presidenza di Montecitorio con l’ambo Riccardo Fraccaro-Roberto Fico, con una crescita delle preferenze per il primo

Ti potrebbero interessare anche:

Under 21, anche l'Ucraina ko, azzurrini pronti per l'Europeo
Giungla di fondi e polizze, rimborsi a singhiozzo per l'anti-epatite C
SANITA'/ Nasce la rete oncologica della Asl dell'Aquila
Siria, ecco dove si addestrano gli jihadisti
Grillo, fuori i nomi sul Colle, non li scelga Renzusconi
Italiani rapiti in Libia, "chiesto il riscatto"



wordpress stat