| categoria: esteri

DA TURCHIA ‘DEPORTAZIONI MASSÀ DI RICHIEDENTI ASILO SIRIANO

Human Rights Watch ha denunciato che le forze di sicurezza turche hanno «regolarmente intercettato centinaia e talvolta migliaia di richiedenti asilo al confine tra Turchia e Siria dal dicembre 2017 e li hanno deportati sommariamente nel governatorato di Idlib, devastato dalla guerra». L’organizzazione riporta che «le guardie di frontiera turche hanno sparato ai richiedenti asilo che cercavano di entrare in Turchia usando le rotte dei trafficanti, uccidendoli e ferendoli, e hanno deportato a Idlib i siriani appena arrivati nella città turca di Antakya, a 30 chilometri dal confine siriano». A metà febbraio, Human Rights Watch ha intervistato al telefono 21 siriani sui ripetuti tentativi falliti di entrare in Turchia con l’aiuto dei trafficanti. Diciotto di loro hanno riferito che l’intensificarsi dei raid aerei russo-siriani a Deir al-Zour e a Idlib li hanno ripetutamente costretti a fuggire fino a quando alla fine hanno deciso che non avevano altra scelta che rischiare la vita e andare in Turchia. Gli intervistati hanno descritto 137 incidenti, quasi tutti tra metà dicembre e inizio marzo, nei quali le guardie di frontiera turche li hanno intercettati al confine, vicino alla città siriana di Darkush, e li hanno prima trattenuti in posti di sicurezza nelle vicinanze e poi li hanno deportati in Siria insieme a centinaia e a volte migliaia di altri come loro. Human Rights Watch ha parlato con altri 35 siriani bloccati a Idlib che non sono fuggiti per paura di essere uccisi dalle guardie di frontiera. Nove persone hanno anche descritto 10 incidenti tra settembre e inizio marzo in cui le guardie di frontiera turche hanno sparato contro di loro mentre cercavano di attraversare il confine, uccidendo 14 persone, tra cui 5 bambini, e ferendone 18. Human Rights Watch ha ottenuto immagini satellitari dei punti di frontiera e di quattro presidi di sicurezza nei quali, secondo l’organizzazione, si vedrebbero grandi tende allestite in campi di pallacanestro in cui i richiedenti asilo hanno dichiarato di essere stati trattenuti prima di essere rimandati in Siria. Human Rights Watch sottolinea che la Turchia ospita oltre 3,5 milioni di rifugiati siriani, e che per questo merita sostegno per la sua generosità, ma in ogni caso il Paese «è anche obbligato a rispettare il principio di non respingimento». «Mentre le guardie di frontiera cercano di chiudere gli ultimi passaggi rimasti nei confini della Turchia, centinaia di migliaia di siriani rimangono intrappolati in zone dove affrontano le bombe sul lato siriano», ha dichiarato Gerry Simpson, direttore associato del programma per i diritti dei rifugiati di Human Rights Watch. In occasione di un vertice del 26 marzo 2018 in Bulgaria, «l’Ue dovrebbe spingere la Turchia ad aprire i suoi confini e a fornire sostegno a chi ne ha bisogno, e non dovrebbe rimanere in silenzio mentre la Turchia ignora le leggi sui rifugiati e spinge indietro migliaia di persone che affrontano una carneficina».

Ti potrebbero interessare anche:

Egitto: un video sulle violenze della polizia diventa caso politico
Israele piange Sharon, il "falco" che cercò la pace
MARO'/ Pressing della Bonino sui ministri indiani, no alla pena di morte
Ucraina, braccio di ferro sugli osservatori Osce rapiti
Nord Corea minaccia Washington e Seul di attacchi nucleari "indiscriminati"
Venti di guerra tra Gaza e Israele: 180 razzi, raid e morti



wordpress stat