| categoria: politica

Non serve gelato a Salvini, commessa perde il lavoro

Una ragazza che lavorava in prova in una gelateria di Milano si sarebbe rifiutata di servire un gelato al leader della Lega, Matteo Salvini: “Io non servo i razzisti”. E avrebbe lasciato il lavoro dopo una discussione in merito con la titolare di un locale di piazzale Siena, ‘Baci Sottozero’. Non c’è stato alcun gesto apertamente rivolto a Salvini, che è stato servito da un’altra persona e non ha assistito alla discussione, ma il caso è approdato sui social.

Una donna qualificatasi come la madre ha accusato Salvini di aver chiesto il licenziamento della figlia.

“Durante la discussione si è tolta la divisa e se n’è andata abbandonando il posto di lavoro a metà turno – hanno scritto i titolari su Fb – esclamando cose che poco hanno a che vedere con il nostro lavoro. Inoltre non c’è stato nessun licenziamento. Da noi può essere servito chiunque con qualunque ideologia politica o culturale e quando la cosa è stata fatta notare alla signorina, lei se n’è andata lasciando i suoi colleghi e il posto di lavoro”.

Ti potrebbero interessare anche:

Bersani si arrende: Sì al confronto tv a tre, basta che siano tutti d'accordo
Pd, Renzi stoppa le voci: non mi candiderò alla segreteria
Il processo Mediaset costa allo Stato 20 milioni di euro?
Debiti P.a, Italia rischia doppia infrazione Ue
Appalti Consip, Lotti a pm: "Respingo tutte le accuse
Presunti brogli nel voto all'estero, Farnesina evoca azioni legali



wordpress stat