| categoria: politica

Non serve gelato a Salvini, commessa perde il lavoro

Una ragazza che lavorava in prova in una gelateria di Milano si sarebbe rifiutata di servire un gelato al leader della Lega, Matteo Salvini: “Io non servo i razzisti”. E avrebbe lasciato il lavoro dopo una discussione in merito con la titolare di un locale di piazzale Siena, ‘Baci Sottozero’. Non c’è stato alcun gesto apertamente rivolto a Salvini, che è stato servito da un’altra persona e non ha assistito alla discussione, ma il caso è approdato sui social.

Una donna qualificatasi come la madre ha accusato Salvini di aver chiesto il licenziamento della figlia.

“Durante la discussione si è tolta la divisa e se n’è andata abbandonando il posto di lavoro a metà turno – hanno scritto i titolari su Fb – esclamando cose che poco hanno a che vedere con il nostro lavoro. Inoltre non c’è stato nessun licenziamento. Da noi può essere servito chiunque con qualunque ideologia politica o culturale e quando la cosa è stata fatta notare alla signorina, lei se n’è andata lasciando i suoi colleghi e il posto di lavoro”.

Ti potrebbero interessare anche:

M5S/ Grillo incontra i consiglieri del Lazio, ora stop ai vitalizi
Alfano: sospenderemo Mare Nostrum."Ma continueremo a salvare immigrati"
Slot machine a Festa dell'Unità, Il Pd si scusa: abbiamo sbagliato
Unioni Civili, affido divide il Pd, Ncd punta al rinvio
Legge di stabilità, cinquemila emendamenti. Resta il nodo del Sud
Nuova fiamma per Berlusconi? "Sta con Lavinia Palombini"



wordpress stat