| categoria: politica

Non serve gelato a Salvini, commessa perde il lavoro

Una ragazza che lavorava in prova in una gelateria di Milano si sarebbe rifiutata di servire un gelato al leader della Lega, Matteo Salvini: “Io non servo i razzisti”. E avrebbe lasciato il lavoro dopo una discussione in merito con la titolare di un locale di piazzale Siena, ‘Baci Sottozero’. Non c’è stato alcun gesto apertamente rivolto a Salvini, che è stato servito da un’altra persona e non ha assistito alla discussione, ma il caso è approdato sui social.

Una donna qualificatasi come la madre ha accusato Salvini di aver chiesto il licenziamento della figlia.

“Durante la discussione si è tolta la divisa e se n’è andata abbandonando il posto di lavoro a metà turno – hanno scritto i titolari su Fb – esclamando cose che poco hanno a che vedere con il nostro lavoro. Inoltre non c’è stato nessun licenziamento. Da noi può essere servito chiunque con qualunque ideologia politica o culturale e quando la cosa è stata fatta notare alla signorina, lei se n’è andata lasciando i suoi colleghi e il posto di lavoro”.

Ti potrebbero interessare anche:

Crimi (M5S): il Parlamento inizi a lavorare anche senza fiducia a un Governo
MOSE/ Chiuso l'ufficio del Magistrato delle acque del Veneto
Boldrini in business class, Grasso in economica. Il volo Roma-New York dei due presidenti (con prezz...
Arriva la tassa sui funerali? Iva al 10% e 30 euro per ogni funerale
Andrea Rossi, l’ex bersanianoalla guida dell’organizzazione dem
Rivolta contro la Boschi in Alto Adige: in 14 lasciano il Pd



wordpress stat