| categoria: turismo

A Santa Maria Maggiore (VB) la Casa del Profumo

Casa del Profumo Una base di bergamotto, e poi limone, fiori d’arancio, rosmarino, lavanda e qualche piccolo segreto legato alla Luna: così, con una trentina di essenze, nasce la storia di un grande mito profumato, all’inizio noto come Aqua Mirabilis per le sue proprietà lenitive e medicamentose, scelto nel corso degli anni come profumazione prediletta da personaggi illustri come Goethe, Voltaire, la regina Vittoria e Napoleone Bonaparte. Poi questo storico profumo si è diffuso come Acqua di Colonia, celebre e amata in tutto il mondo, che, a dispetto del nome, nasconde però una storia tutta italiana, fatta di intuizione, intraprendenza e soprattutto “naso”.

Per scoprirla basterà visitare a partire dal 24 marzo la Casa del Profumo Feminis-Farina, un piccolo museo di montagna situato nella Val Vigezzo, a Santa Maria Maggiore (Vb), dove saranno svelati al pubblico tutti i segreti della bottega di un alchimista, tra essenze, aromi e flaconi, ma in cui sarà reso omaggio ai due italiani inventori e artefici della fortuna di questo antico profumo. La storia dell’Acqua di Colonia nasce infatti alla fine del 1600 grazie a Giovanni Paolo Feminis, ideatore della formula originale, e a Giovanni Maria Farina, che ne curò la commercializzazione, entrambi originari della Val Vigezzo: il profumo è conosciuto come Acqua di Colonia solo perché è in quella città che si stabilì l’inventore, e lì ha sede l’azienda fondata nel 1709 alla quale ancora oggi è affidata la produzione.

L’Acqua di Colonia ora torna finalmente a casa, in un luogo che si offre come un viaggio olfattivo e multisensoriale che dal 1600 trasporta fino ai giorni nostri. “Non è magia, si prende lo spirito di vino, ma poi servono i fiori, le piante aromatiche, quelle che crescono sulle nostre colline in Italia. E bisogna sapere quali fiori e in quali proporzioni. Poi metterli a macerare in un tino coperto per tutto il percorso della luna, toglierli e rimetterli e aggiungere il bergamotto e il rosmarino, ma soltanto quando la luna diventa calante. Ecco, questo è il segreto”, scriveva Feminis.

E il pubblico potrà davvero toccarlo con mano questo profumatissimo segreto: all’inizio del percorso, in un’installazione multimediale con video animazione 3d, saranno gli stessi Feminis e Farina a dare la prima accoglienza; poi, una sezione si focalizza sul tema della migrazione, con il racconto di storie di viaggi che si intrecciano con il destino dell’Acqua di Colonia; infine, dopo aver scoperto la ricetta del profumo, toccato e odorato le erbe e le piante utilizzate nella sua formula, tutte coltivate nel piccolo giardino e nella serra del museo, i visitatori potranno addirittura usare l’organo del profumiere, la grande ‘tavolozza’ con centinaia di campioni di essenze che è lo strumento fondamentale per i ‘nasi’, creando così come veri profumieri il proprio profumo personale.

Ti potrebbero interessare anche:

Sono quasi un milione e mezzo le donne che viaggiano sole
In vendita l'isola di S.Stefano, costa solo 22 milioni di euro
In Islanda l'inverno splende
Dopo la Taranta, la Focara di Novoli. Gli eventi più cool del Salento
QUANDOSISCIA/ Alpi e Appennini si preparano al tutto esaurito
Tempo di Oktoberfest, da Monaco all'Italia birra e divertimento



wordpress stat