| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Spiagge sparite, serve un piano Marshall per salvare la stagione del litorale laziale

Ci eravamo distratti, tra buche, voragini, alberi che cadono come piovesse. Ci sono state anche le elezioni, a farci concentrare su altro. Ma ora con uno sguardo al calendario e l’idea che sia già Pasqua pensiamo alle vacanze e ci accorgiamo improvvisamente che il litorale laziale, da Fregene a Sabaudia per interderci, è a un passo dal collasso. Un fatto epocale, non eravamo mai arrivati a questo punto. Spiaggia addio, le mareggiate, l’erosione continua ha ridotto la nostra idea di estate ai minimi termini. Praticamente un incubo. A Fregene e dintorni l’acqua ha raggiunto le cabine delle strutture balneari, ora minaccia i bar e i ristoranti, il sindaco Montino allarga le braccia. Tutta colpa solo del maltempo? La situazione è grave, scendendo lungo il litorale, ma è drammatica a Sabaudia e al Circeo. Forti mareggiate, spiaggia sparita, strutture a rischio. Non si poteva fare qualcosa per tempo? E la seconda, imbarazzante domanda. E adesso cosa facciamo? L’operazione salviamo il salvabile non è ancora cominciata, gli amministratori locali non sanno che pesci pigliare e soprattutto manca la regia. Che deve venire dalla Regione. La quale, ovviamente, ha altro da pensare in questo momento, ed è stata fortemente distratta nei mesi scorsi. Un piano Marshall per il litorale laziale è ancora possibile per salvare la stagione estiva?

Ti potrebbero interessare anche:

La foto del sindaco Alemanno e Luciano Casamonica crea imbarazzo
Ostia, AssoTutela presenta ai Nas l'esposto sui chioschi del lungomare (Video)
"Gloria", la hit di Tozzi debutta in russo con Alan
Ci mancava anche questa, l'Anac riscontra irregolarità nelle nomine dei manager Rai
La Raggi fa il pieno di dirigenti: tutti necessari?
SU UNA DONNA IL PRIMO TRAPIANTO DI FACCIA IN ITALIA



wordpress stat