| categoria: politica

SONDAGGI, VOLANO LEGA E M5S, PD IN PICCHIATA

Un Matteo (Salvini) che sale e un altro (Renzi) in picchiata. E di riflesso i loro partiti che se si tornasse a votare oggi, sarebbero l’uno (la Lega nord) in risalita – dal 17% al 21% – contro un Pd a quota 16%, rispetto al 18 a cui si è fermato alle elezioni del 4 marzo. In crescita pure il Movimento 5 stelle, che conquisterebbe altri 2 punti percentuali passando dal 32% di marzo al 34 di oggi. È la fotografia sulla fiducia nei politici e le intenzioni di voto scattata dall’Osservatorio politico nazionale, attraverso il sondaggio realizzato dall’Istituto Ixè nei giorni scorsi. Da un’indagine a campione su 1000 persone emerge che su 9 leader politici di cui si chiede quanta fiducia ispirino agli italiani, Salvini e Renzi sono agli antipodi: il primo è sul podio con il 39%, seguito da Di Maio al 36%, staccato di tre punti dal premier Paolo Gentiloni. Ultimo, inchiodato al 18%, l’ex premier fiorentino a pari merito con Pierluigi Bersani. Non va meglio a Silvio Berlusconi: per lui la fiducia è al 23%, e prima c’è Beppe Grillo a quota 24%. Meglio di loro due donne: Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia al 29% ed Emma Bonino di +Europa al 31%. Nel dettaglio, inoltre, il sondaggio evidenzia come la fiducia in Salvini e Di Maio abbia avuto un’accelerata da febbraio in poi: all’epoca il leghista era a quota 25%, il leader dei 5Stelle al 29%. In calo nello stesso periodo la fiducia in Renzi: a febbraio era del 23%, cinque punti bruciati in due mesi. Tornando alle intenzioni di voto, Forza Italia perde due punti (dal 14 al 12%) ma nel complesso la coalizione di centrodestra tiene e anzi, se si votasse oggi, sarebbe al 38%. Al contrario del centrosinistra che, così come si è presentato al voto, sarebbe oggi al 18% contro il 22. Infine, cala leggermente la fiducia degli italiani nello Stato: in media si attesta al 24% (era al 29% a febbraio e al 27 il mese precedente) con un picco del 51 di chi ha risposto di avere ‘pocà fiducia (3% ha risposto ‘moltà). Buona la performance del presidente Mattarella che vanta il 51% (era al 50 a febbraio) e si difende Gentiloni: la fiducia nei suoi confronti è al 30% (a febbraio aveva tre punti in più, a gennaio al 31%). Nota metodologica: Soggetto realizzatore: Istituto Ixè srl Metodologia: indagine quantitativa campionaria Metodo di raccolta dati: integrazione di interviste telefoniche, su utenze fisse (CATI), e mobile (CAMI), e di interviste on line (CAWI) Universo: popolazione italiana maggiorenne Campione intervistato: rappresentativo (quote campionarie e ponderazione) in base a: genere, età, zona di residenza, e comportamento di voto alle Politiche 2018 Dimensione campionaria: 1.000 casi (margine d’errore massimo ñ3,10%) Periodo di rilevazione: dal 9/4/2018 al 11/4/2018.

Ti potrebbero interessare anche:

Pd esulta per la vittoria, ora battaglia per le regole del congresso
Berlusconi ai servizi sociali, preparativi per il 28
MUSEI/ Attesa per i nomi dei venti supermanager
CENTRODESTRA/ Primi passi per la "cosa" moderata, attesa per le mosse di Della Valle
Mattarella-Renzi, contro il terrore ma no a guerra di religione
LE CURIOSITA' DEL DOPO-VOTO/ Gelmini, Garfagna e Mastella sugli scudi, tanti vippini bocciati



wordpress stat