| categoria: sanità Lazio

Servizio sanitario più giusto: in tre anni ridotte le diseguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari

In soli tre anni – tra il 2012 e il 2015 – il servizio sanitario del Lazio è profondamente migliorato riducendo (e in alcuni casi) azzerando l’impatto delle differenze socio-economiche sull’accesso ai servizi sanitari.È quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori del dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale della Regione Lazio e pubblicato sulla rivista PLoS One.Le disuguaglianze di salute tra gruppi di persone che hanno un diverso status socio-economico costituiscono una delle principali sfide per la salute pubblica. E’ un tema sempre più dibattuto, anche perché negli ultimi anni si sono moltiplicate le ricerche sugli effetti della crisi economica sofferta da molte regioni – soprattutto europee – sul benessere fisico ed emotivo delle popolazioni.

Tra i dati rilevati dal programma di valutazione degli esiti della Regione Lazio (P.Re.Val.E.) vi sono, oltre a indicatori di indicatori delle performance ospedaliere, informazioni relative alla variazione nell’accesso a un’assistenza sanitaria efficace nei diversi gruppi di popolazione della Regione Lazio. Ciò ha consentito di aiutare l’impatto di una nuova strategia messa in atto nel 2013 che ha assegnato alle direzioni generali delle strutture ospedaliere alcuni obiettivi specifici basati sulla valutazione delle prestazioni.
I dati mostrano che nel 2015 il 44,6% dei pazienti con STEMI è stato tempestivamente trattato con angioplastica coronarica, il 54,4% dei pazienti con fratture del femore è stato sottoposto a intervento chirurgico entro 2 giorni e il 27,7% di donne che non avessero avuto in precedenza un parto cesareo ha fatto ricorso a questo intervento.

Tre anni prima, nel 2012, le proporzioni corrispondenti erano del 27,8%, 31,3% e 31,5%, rispettivamente e con grandi differenze per livello di istruzione.

Nel 2012 il 48% delle persone con frattura del femore laureate era già operato entro due giorni rispetto al 25% delle persone con licenza elementare o nessun titolo di studio, mentre nel 2015 le rispettive proporzioni sono 67% e 50%, quindi con un differenziale ancora presente, ma dimezzato.

Per quanto riguarda le persone con STEMI, il 44% dei laureati avevano accesso all’angioplastica primaria già nel 2012 e tale è rimasto anche nel 2015, mentre solo il 24% delle persone con basso titolo di studio era sottoposto ad angioplastica primaria nel 2012, passando al 44% nel 2015, senza quindi più differenza per titolo di studio. Anche il differenziale di accesso al taglio cesareo si è ridotto nel periodo in studio.

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti continua a piazzare gli amici: all'Ipab "La Sacra Famiglia" va il "non ele...
Frosinone, la Asl precisa: nè tagli nè chiusure di reparti
ARES 118/ Servizio sempre più esternalizzato, fino al 40% delle prestazioni
Primo fiocco azzurro al nuovo centro fecondazione del Pertini
ANMIRS/ L'autorizzazione della Regione non risolve i problemi dell'Israelitico
Cannabis terapeutica nel Lazio, ecco per chi sarà gratis



wordpress stat