| categoria: esteri

Israele accusa l’Iran: «Attacco sul Golan». Reazione durissima: raid aerei sulla Siria, almeno 23 morti

3720954_1143_golan_jpg_pagespeed_ce_RkN-7T3c0U
Si aggrava la situazione tra Israele e Iran sulle Alture del Golan in quello che è stato definito il primo attacco diretto di Teheran a Israele. La notte scorsa l’esercito israeliano ha colpito circa 50 postazioni iraniane in Siria dopo che la forza Al-Quds di Teheran ha lanciato 20 razzi verso postazioni israeliane di prima linea sulle Alture. Missili in parte intercettati dal sistema di difesa israeliano Iron Dome e che hanno fatto scattare nella zona le sirene di allarme. L’esercito ha definito la risposta di Israele «il maggior attacco aereo compiuto negli ultimi anni». Non si hanno al momento notizie più precise sulle conseguenze dell’operazione dell’aviazione ebraica in territorio siriano, mentre in Israele i danni sono stati minimi e senza nessuna vittima. Sono almeno 23 le persone uccise nei raid israeliani compiuti la notte scorsa in Siria contro obiettivi iraniani, secondo quanto afferma l’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). L’ong, che ha sede in Gran Bretagna, dispone di una vasta rete di informatori in Siria. «Gli ordini dell’attacco sono stati impartiti dal generale iraniano Qassem Suleimani», ha precisato il portavoce militare Jonathan Conricus, aggiungendo che Israele ha informato la Russia dell’attacco aereo in Siria. Sulle Alture del Golan alla popolazione è stato detto di essere attenta alle informazioni che giungono dalle forze militari.
Il portavoce militare Jonathan Conricus ha precisato che l’attacco iraniano è stato lanciato alle ore 00.10 locali (le 23:10 in Italia). «Sono state prese di mira diverse basi militari» ha aggiunto, mentre le località dove vivono civili sul Golan non sono state coinvolte. «Non ci sono state vittime e i danni finora sono limitati» ha detto ancora Conricus, ribadendo peraltro che Israele considera «molto grave» questo attacco.
Conricus ha aggiunto che Israele «ha reagito», ma non è entrato nei dettagli. «Questo episodio ancora non è terminato», ha osservato. In risposta ad una domanda se il lancio dei «20 proiettili o razzi» da parte iraniana fosse la reazione attesa da giorni (per un attacco alla base aerea T4 in Siria, attribuito dall’Iran ad Israele, in cui il mese scorso morirono diversi militari iraniani) Conricus ha risposto: «È troppo presto stabilirlo». In questa fase, ha concluso, ai civili israeliani sul Golan non sono state date nuove istruzioni. Mercoledì il capo di stato maggiore, generale Gady Eisenkot, si era recato sul Golan per avvertire i responsabili civili della zona della possibile imminenza di un confronto con le forze iraniane.
L’agenzia ufficiale siriana Sana, citata da RT, ha denunciato colpi d’artiglieria sparati dal Golan occupato israeliano verso la provincia siriana di Quneitra, in particolare sulla città di Baath.
Oltre la metà dei missili lanciati dalle forze armate israeliane nell’attacco della scorsa notte è stata abbattuta dalle difese antiaeree siriane: lo sostiene il ministero della Difesa russo. «Respingendo l’attacco di Israele – riferisce Mosca – le unità siriane di difesa aerea hanno abbattuto più della metà dei missili»

Ti potrebbero interessare anche:

Italia e Argentina rilanciano i rapporti bilaterali
Lo storico accordo sul nucleare iraniano è a un passo?
Salah Abdeslam, ecco il nuovo look del terrorista in fuga da Parigi
Cile, incidente per l'aereo degli Iron Maiden: feriti due addetti dell'aeroporto
Corea del Nord, Trump allerta bombardieri nucleari B52
Venezuela, Guaidò si proclama presidente. In 2 giorni 14 morti e 218 arresti



wordpress stat