| categoria: sport

CALCIO: 1-1 A BERGAMO, MILAN IN EUROPA E ATALANTA QUASI

Botta e risposta tra l’ex Kessiè e Masiello, che pareggia in extremis: il Milan respinge l’assalto dell’Atalanta e si tiene il sesto posto a una giornata dal termine, con i soli rossoneri ad avere per ora la matematica certezza della qualificazione all’Europa League, peraltro molto vicina anche per i nerazzurri. Un confronto sotto la pioggia battente aspro e sul filo dei nervi, con nove gialli e un rosso per parte, sfuggito un pò di mano al direttore di gara Guida. I rossoneri partono abbastanza decisi, ma le chance vere sono un’altra cosa. Suso sgancia un radente centrale dai 25 metri al 7′, mentre il primissimo gioco palla a terra (14′) in combinazione tra lo spagnolo, Kalinic e Kessie trova Masiello (giallo in precedenza sul croato, salterà Cagliari) a spazzare. Una cinquina di lancetta e Barrow, preferito a Ilicic e servito da Gosens, semina scompiglio con un sinistro che sbatte inavvertitamente sulle gambe di Freuler. Al 23′ Bonaventura (ex come Cristante, Kessie, Locatelli e Montolivo) tenta la magia sbilenca dalla lunga, per poi farsi rubare la sfera sulla trequarti da de Roon, il cui lancio viene controllato male dal ’98 il gambiano. I meneghini sono pericolosi da fermo, collazionando angoli e provocando scompiglio alla mezz’ora con una punizione di Suso spizzata da Bonaventura: Toloi alza di testa sopra il montante. Al 33′ il Papu riceve da Cristante ma sballa il mancino; al 41′ la percussione di Cristante e Freuler sull’asse Gomez-Barrow viene stoppata da Rodriguez che ci mette una terza pezza sempre sul jolly alle soglie del riscatto dal Benfica. Al primo di recupero brivido per Berisha, che si lascia sfuggire il piazzato di Suso dalla trequarti destra. Nella ripresa Gattuso inserisce Montolivo per l’acciaccato Biglia, Donnarumma al 4′ respinge di pugno con affanno un traversone di Cristante dall’out destro. Tra 7′ e 8′ i nerazzurri ne hanno un paio grosse: il destro di Cristante è deviato in angolo da Bonucci, e sul tiro dalla bandierina di Gomez è Caldara (capitano, all’ultima a Bergamo) a non sfruttare la scivolata dopo il miracolo del portiere milanista sul colpo di testa di Cristante. Entra Ilicic per Barrow e all’11’ ruba la sfera a Rodriguez per appoggiare ancora il centrocampista cresciuto nelle giovanili del Milan: alto di poco. Doccia fredda al quarto d’ora: Kessie serve di tacco Montolivo, Toloi rinvia corto e l’ivoriano proprio sotto la Curva Nord Pisani infila dal limite nell’angolino con un tiro secco e potente. Al ventesimo Toloi, appena ammonito, viene cacciato per aver applaudito ironicamente l’arbitro Guida. Al 24′ Gosens di destro sbaglia a porta spalancata dopo la respinta di Donnarumma sul tiro-cross di Gomez, alla mezzora si torna in parità numerica quando Montolivo falcia il Papu. A dieci dal novantesimo la sponda dal limite di de Ronn innesca la botta in corsa pari di angolazione dell’argentino, al secondo di recupero il cross di Ilicic trova la svettata del pari di Masiello all’altezza del secondo palo non trattenuta da Donnarumma.

Ti potrebbero interessare anche:

Milan effervescente, aspetta Kakà e lo sconto su Balotelli
F1/ Trionfo Ferrari a Barcellona. Vince Alonso, Massa terzo
Barcellona a valanga e si rivede anche Suarez
Milan disastro, 3-3 a San Siro con il Frosinone
Inter, cinque acquisti, ora il fair play non fa più paura
CALCIOMERCATO/ Follie del Manchester City, ecco i 300 milioni per Messi



wordpress stat