| categoria: politica

Il programma Di Maio-Salvini? Provate con questo

Verso il nuovo governo: ecco una ipotesi di rogramma punto per punto.
NOMADI/Via gli abusivi e più sicurezza

L’obiettivo, scritto nero su bianco, è quello di chiudere i campiromirregolari. I minorenni, anche quelli parte di un nucleo familiare, sarebbero affidati ai servizi sociali per il completamento delle scuole. Del totale di 180 mila persone rom, sinti o caminanti presenti in Italia, ventiseimila vivono in emergenza abitativa e di questi, 9.600 in accampamenti di fortuna, illegali o «tollerati», ha conteggiato l’associazione 21 luglio in un recente rapporto presentato a inizio aprile in Senato. Di questi 9.600, però, un quarto vive proprio a Roma, in circa 300 campi abusivi. Stanziareun finanziamento per abbatterli,come si legge nella bozza di programma di ieri al Pirellone, potrebbe frenare l’emorragia di consensi di Virginia Raggi.

ISTRUZIONE/No migrazioni di insegnanti

I concorsi per l’insegnamento della scuola verranno fatti su base regionale e non più su base nazionale. E verranno stabilite delle regole per evitare il pendolarismo dei professori dal sud verso il Nord. È uno dei punti, caro alla Lega, che verrà molto probabilmente inserito nel programma di governo. Secondo un recente studio del Cnel sono circa 20 mila i professori non di ruolo emigrati verso Settentrione. Le zone di maggiore emigrazione sono Basilicata, Sicilia e Campania, mentre le regioni più attrattive sono Toscana, Piemonte e Lazio: il flusso più consistente va dalla provincia di Napoli a quella di Roma, e dalla Sicilia verso le zone di Milano e Torino. Nel programma per ora non è affrontata la questione della sanatoria dei docenti senza laurea.

FLAX TAX/Irpef a 2 aliquote il 15% e il 20%

Nel testo definitivo del contratto di programma, sulla flat tax non verranno indicate le aliquote. Ma l’ipotesi che si è discussa al tavolo tecnico è quella di due scaglioni (per cui tecnicamente non è possibile parlare di flat tax): il 15% per i redditi fino a 80 mila euro, e il 20% per quelli oltre questa soglia. Ci sarà una no tax area per chi guadagna meno di 8 mila euro, e una detrazione fissa di 3 mila euro per ogni componente dela famiglia fino a 35 mila euro; per i soli familiari a carico fino a 50 mila euro; e nessuna detrazione oltre questa soglia. Il progetto, dal costo di circa 50 miliardi di euro, prevede la cancellazione di tutte le detrazioni e le deduzioni fiscali che oggi abbattono il peso del prelievo sui redditi: dalle spese sanitarie a quelle previdenziali.

ALLOGGI/Più sgomberi e riassegnazioni

È soprattutto Milano a vivere con ansia il fenomeno dell’occupazione delle case popolari. Quelle non assegnate e vuote, dicono le inchieste della procura, vengono immediatamente prese di mira da associazioni a delinquere che le occupano mandando avanti donne e bambini, per poi «rivenderle» al miglior offerente. Proprio per questo la Lega, che dalla Regione Lombardia ha già lanciato un piano investimenti per la ristrutturazione degli alloggi sfitti, vuole che nel contratto con i Cinque stelle ci sia un punto dedicato specificamente a facilitare gli sgomberi e le riassegnazioni rapide degli alloggi popolari. Anche qui, l’obiettivo è duplice: un’azione simbolica per l’elettorato in tutto lo Stivale, ma anche un bell’aiuto per riconquistare la capitale del Nord.

PENSIONI/Sì a quota 100 e adeguamento

Il piano per il superamento della legge Fornero si baserà su due principi: si potrà lasciare il lavoro una volta raggiunta quota 100 come somma di età e anni di contribuzione, ma con un’età anagrafica minima di 64 anni e un minimo contributivo di 36 anni. Chi ha lavorato per almeno 41 anni, coprendo al massimo due anni con contributi figurativi, potrà lasciare il lavoro a prescindere dall’età anagrafica. Rimarrà in vigore l’adeguamento automatico dei requisiti per lasciare il lavoro alle aspettative di vita. Sarà prevista anche una sorta di clausola di salvaguardia. La spesa per il superamento della Fornero non potrà superare i 5 miliardi di euro annui. Nel caso in cui il tetto fosse sforato gli anni di contributi necessari a lasciare il lavoro aumenterebbero.

ILVA/Bonifica del sito e acciaio “verde”

È stato uno dei punti più complessi della trattativa tra Movimento Cinque Stelle e Lega: il destino dell’Ilva. Da una parte i grillini determinati alla chiusura dello stabilimento, dall’altra il Carroccio schierato per la produzione dell’acciaio e la difesa dei lavoratori. Il compromesso raggiunto consisterebbe nella decisione di stanziare una rilevante somma di denaro (la quantificazione non ci sarà nel documento) per effettuare la bonifica del sito. E poi rinconvertire la parte di produzione inquinante. Cosa questo voglia dire non è ancora chiaro, potrebbe essere un ritorno al progetto, già circolato in passato e sposato per esempio da Michele Emiliano, di produrre acciaio usando il gas. Soluzione scartata dagli imprenditori del settore interessati a Taranto.

PACE FISCALE/Rottamazione da 35 miliardi

La parola condono è bandita. Ma per finanziare l’abbassamento delle tasse contenuto nel programma di governo, sarà prevista una maxi-rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia. Un’operazione definita saldo e stralcio, che permetterà di chiudere le pendenze con il fisco versando una percentuale delle somme dovute. Percentuale che sarà variabile a seconda dello stato di bisogno del contribuente: si andrà dal 25% dell’importo della cartella fino al 6%. Questa operazione coprirà tutti i ruoli passati all’Agenzia della riscossione fino al 2015. Secondo le stime grazie a questa super rottamazione si dovrebbero incassare 35 miliardi di euro. Anche se va considerato che già ci sono state due operazioni di sanatoria negli ultimi anni.

POVERTA’/Assegno di 780 euro senza scadenze

Il reddito di cittadinanza, l’assegno di 780 euro per tutte le persone in situazione di povertà, entra nel programma. Novità dell’ultima ora, non avrà più un limite di due anni come aveva chiesto la Lega. La misura, che potrebbe riguardare circa 7 milioni di persone, ha un costo stimato dagli stessi estensori della proposta, in 15-16 miliardi di euro. Chi ottiene il reddito di cittadinanza dovrà attivarsi per trovare un impiego. Dovrà effettuare i colloqui ai quali sarà chiamato dagli uffici di collocamento, potendo rifiutare al massimo tre proposte di lavoro congrue. Il primo step del reddito di cittadinanza sarà la riforma dei Centri per l’impiego, per la modernizzazione dei quali saranno impiegati due miliardi di euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Corruzione, Monti va pesante: Italia nel ridicolo con il governo Berlusconi
SCHEDA/ Da salva-precari a tagli spesa, ok governo a pacchetto P.a.
Addio Imu, nel 2014 arriva la Service tax
RIFORME/ Incontro con M5S la prossima settimana, non ancora fissato quello con il Cav
Jobs Act, voto finale alla Camera entro il 26 novembre
Crozza: Da Renzi a Gentiloni, passiamo da un Ego smisurato a un Ripiego esagerato



wordpress stat