| categoria: Dall'interno

PAPA: PENSO AL MOMENTO IN CUI DOVRÒ CONGEDARMI

«Quando io leggo questo, penso a me perché sono vescovo e devo congedarmi»: lo ha detto oggi Papa Francesco nella messa a Casa Santa Marta, commentando la lettura che parla del testamento di San Paolo. Lo riferisce Vatican News. «Il testamento di Paolo è una testimonianza. È anche un annuncio. È anche una sfida: ‘Io ho fatto questa strada. Continuate voì. Quanto lontano è questo testamento dai testamenti mondani: ‘Questo lo lascio a quello, quello a quell’altro, quello a quell’altro…’, tanti beni. Non aveva nulla Paolo, soltanto la grazia di Dio, il coraggio apostolico, la rivelazione di Gesù Cristo e la salvezza che il Signore aveva dato a lui», ha detto il Papa. E ha aggiunto: «Chiedo al Signore la grazia di potermi congedare così. E nell’esame di coscienza non uscirò vincitore come Paolo … Ma, il Signore è buono, è misericordioso… Penso ai vescovi, a tutti i vescovi. Che il Signore dia la grazia a tutti noi di poterci congedare così, con questo spirito, con questa forza, con questo amore a Gesù Cristo, con questa fiducia nello Spirito Santo».

Ti potrebbero interessare anche:

CASSAZIONE/ Figlia in tarda età e con la fecondazione assistita. Sarà data in adozione
IL CASO/ La quattordicenne, "penso che prostituirmi non sia grave..."
«Briatore ha evaso 3,6 milioni di Iva sullo yacht». Condannato a 23 mesi
ANAS/ Terza fase dell'operazione "#bastabuche", in campo altri 295 milioni
SICILIA/Il Dalai Lama inizia il tour in Sicilia, Messina Taormina e il ritorno a Palermo dopo 21 ann...
Avvocati, nuovo sciopero dei penalisti: «Riforma penitenziaria bloccata»



wordpress stat