| categoria: sanità, Senza categoria

ASSOBIOMEDICA, IN ‘CONTRATTÒ MANCA CAPITOLO SU INNOVAZIONE

Nel ‘Contratto per il governo del cambiamentò firmato da M5S e Lega, «è scioccante l’assenza di un capitolo sull’innovazione in sanità, che si declina con l’Health Technology Assessment (Hta), investimenti in R&S, agevolazione alle imprese». È quanto sottolinea all’Adnkronos Salute Massimiliano Boggetti, presidente di Assobiomedica, l’Associazione di Confindustria delle industrie produttrici di tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali e dispositivi medici. «La sanità del futuro – sostiene – si potrà fare solo attraverso le innovazioni tecnologiche, per puntare sempre più a prevenire invece che curare. E i dispositivi sono il cuore di questa medicina, che è anche più sostenibile nell’ottica dell’integrazione socio-sanitaria citata nel contratto. Ma se non dovessero esserci misure in tal senso – avverte – torneremo indietro anni luce e per questo il mondo dell’industria è preoccupato». «Non parlare di innovazione – spiega – fa ‘scopà con il concetto richiamato nel testo relativo alle centrali uniche di acquisto, o con quello dei costi standard. Tutti principi che si pongono in antitesi con la medicina del futuro e con la personalizzazione, e che possono essere applicati solo a una piccola parte dei prodotti sanitari. Sicuramente siamo d’accordo sul fatto che gli sprechi vanno combattuti, ma con la centralizzazione degli acquisti e la standardizzazione si va a banalizzare un comparto che invece può contribuire fortemente soprattutto a dare impulso alla prevenzione». In generale, per Assobiomedica, «è positivo che nel contratto di governo venga affrontato il tema della sanità, assente invece dalla campagna elettorale. E ci sono aspetti positivi, come il rifinanziamento del Ssn, pur non entrando nel merito delle coperture economiche». «Bene che si parli anche di integrazione socio-sanitaria, un tema che segna l’abbattimento del concetto dei ‘silos’ e per cui i dispositivi medici hanno un ruolo importante. Ci sono però altre aree ‘grigiè nel testo: è positivo parlare di lotta alla corruzione, ma questo deve comportare una semplificazione normativa. Bene, infine, la presenza della sanità digitale, su cui stiamo investendo tanto e che porterà una sanità migliore», conclude Boggetti.

Ti potrebbero interessare anche:

Paul Cezanne, veduta della Provenza cerca nuovo record mondiale
Ostia, bambino autistico sulla ringhiera del balcone: lo salvano i pompieri
SICUREZZA STRADALE/ Le misure previste nel ddl omicidio stradale
Sabaudia ripiega la bandiera blu? Campanello d'allarme, il lago di Paola non respira più
No Tav ai domiciliari nel camping del Movimento? Pm contrari
Convegno Cisl Medici Campania sul "Medico del terzio millennio" a Napoli



wordpress stat