| categoria: salute

Il buon umore potrebbe aiutare a mantenere il cervello giovane

Depressione associata a declino cognitivo. Studi hanno coinvolto 71 mila persone

Essere di indole positiva potrebbe avere effetti ‘anti-aging’ sul cervello, rallentare la perdita delle proprie abilità mentali nel tempo. Lo suggerisce uno studio secondo cui, al contrario, soffrire di disturbi depressivi accelera il declino cognitivo. La ricerca è stata svolta da Darya Gaysina e Amber John della University of Sussex e pubblicata sulla rivista Psychological Medicine.
Lo studio è in realtà la revisione dei dati di ben 34 lavori già pubblicati sull’argomento, per un totale di 71 mila persone coinvolte. Diversi studi hanno evidenziato un’associazione tra disturbi depressivi e modifiche anatomico-strutturali del cervello, anche con restringimento dei volumi di alcune aree. In questo lavoro si è andati ad indagare l’impatto dei disturbi depressivi a lungo termine sulle abilità mentali degli individui che già fisiologicamente declinano anno dopo anno.
Ebbene si è visto che il declino cognitivo età-dipendente è più rapido tra coloro che soffrono di disturbi depressivi o depressione maggiore. Secondo gli autori è prioritario che i sistemi sanitari prendano in carico il disagio mentale sempre più diffuso (la depressione è un problema sempre più diffuso che può arrivare a interessare fino a una persona su 5) per aiutare a prevenire tanti casi di declino cognitivo e demenza vera e propria.

Ti potrebbero interessare anche:

Scoperta una molecola efficace contro gli attacchi di asma
SALUTE/Bronchi ottenuti da stampante 3D salvano vita a due bimbi
Primo atlante delle diete, efficaci se con pochi carboidrati
Stimolazione elettrica durante sonno sembra aiutare la memoria
Così lo stress logora la salute del cuore
Al via campagna informazione 'Che nome dai alle tue cisti?'



wordpress stat