| categoria: turismo

Dieci mete non convenzionali per l’addio al celibato o nubilato

063b04417382cb9af85e2ed6466dc692C’è chi ama l’avventura, chi un fuoriporta per musei e chi ancora vorrebbe far bisboccia fino all’alba. Poco importa come si decide di dire addio alla vita da single, ciò che conta è conservarne un ricordo speciale che susciti emozioni anche quando si staranno festeggiando le nozze d’argento. Per ispirare chi è in cerca di un viaggio unico e indimenticabile Momondo ha selezionato le attività più alternative e insolite in giro per l’Europa per trasformare un rito di passaggio in un ricordo senza tempo.

Le notti bianche di San Pietroburgo – Per celebrare fino a tardi e avere l’impressione che i festeggiamenti non volgano mai al termine, San Pietroburgo è la destinazione ideale: tra i mesi di maggio e luglio, infatti, si può assistere allo strabiliante spettacolo naturale delle notti bianche, il fenomeno causato dalla latitudine che permette alla città degli zar di rimanere avvolta dalla luce fino a 18 ore, creando un’atmosfera unica e mozzafiato. Sfruttando appieno il roseo chiarore del crepuscolo, una passeggiata per l’incantevole Prospettiva Nevskij e il lungoneva, vividi e animati anche di notte, sarà l’esperienza perfetta per vivere “un attimo di vera beatitudine”.

Matrimonio nel gelido nord – Se il sogno del futuro sposo è brandire una spada per difendere le mura del freddo nord, Castle Ward è la destinazione perfetta. Immerse nella fiabesca contea di Down, a circa 30 km da Belfast, si trovano infatti le straordinarie location che hanno dato vita ai luoghi leggendari nati dalla penna e dal genio dell’autore delle cronache del ghiaccio e del fuoco. Ma c’è di più: non solo è possibile addentrarsi nelle proprietà, ma anche lasciarsi coinvolgere in esperienze uniche degne dei protagonisti della saga. Dal tiro con l’arco all’invito a un delizioso banchetto, passando per un’intrepida notte facendo glamping nei boschi fino a calarsi in un’ entusiasmante rappresentazione della saga sugli originali set di ripresa: sarà l’occasione perfetta per indossare i costumi di scena e vestire i panni – in tutti i sensi – dei personaggi dei sette regni.

A Londra in una sala d’incisione – Se un week-end nella vecchia Londra è il desiderio dello sposino, è necessario ingegnarsi con un’attività unica e divertente che renda il ricordo del viaggio ancora più speciale. A incidere il momento ci pensano gli Abbey Road Studios situati ai piedi della suggestiva Primrose Hill, passati alla storia per aver ospitato il famoso quartetto di Liverpool nella registrazione dei suoi pezzi più rinomati. Oltre a visitare le sale, infatti, c’è la possibilità di incidere la propria personale versione di una canzone del fantastico gruppo: per un’ora e mezza da vera celebrità, si avrà a disposizione un vocal coach, i tecnici e le attrezzature dei leggendari studi dove hanno preso vita le melodie non solo della band inglese, ma anche di altri artisti memorabili. Una volta conclusa la sessione, il brano viene mixato e trasferito su un CD personalizzato, a testimonianza di un indimenticabile momento da star.

Per abbazie e birrifici trappisti in Belgio – Senz’altro alla birra è riservato un posto d’onore tra le prelibatezze tipiche belghe. Non c’è che l’imbarazzo della scelta: Achel, Chimay, Orval, Rochefort, Westvleteren e Westmalle sono sei delle dodici birre trappiste prodotte al mondo secondo precisi criteri da monaci cistercensi e sono tutte brassate in Belgio, la terra sacra per i patiti della bevanda dorata. Non si tratta solo di un’occasione per assaporarne i differenti aromi ma un vero e proprio pellegrinaggio del gusto tra antiche abbazie e birrifici. Oltre a un’entusiasmante immersione nel mondo dei luppoli, tra un sorso e l’altro si rimane estasiati anche con assaggi di squisiti formaggi e prelibato cioccolato, selezionati per esaltare il sapore del nettare degli dei vichinghi. Per gli spostamenti l’ideale è noleggiare un’auto o un pulmino e in base ai giorni a disposizione scegliere la soluzione preferita, che sia concedersi un trappist tour completo oppure recarsi nelle brasserie di una singola regione, tra la Vallonia e quella delle Fiandre.

A Parigi il cabaret lo fate voi: a scuola di cancan – Da sempre scenario di romanzi e pellicole, Parigi è la città dell’amore per antonomasia. Ma all’ombra della Tour Eiffel sono sorti anche alcuni tra i più celebri cabaret, diventati veri e propri simboli della vita notturna parigina. Tra i locali storici della ville lumière, il Paradis Latin è la tappa imperdibile per infondere al viaggio la vena comica necessaria per trascorrere un fine settimana all’insegna della spensieratezza. Ma sedersi tra il pubblico e intrattenersi con gli spettacoli di qualità è solo una delle esperienze previste dal menù: le più intrepide, infatti, potranno esibirsi sul palco armate di paillettes interpretando la propria personale performance coreografica. Qui, una volta al mese, va di scena la Belle Époque: grazie a un laboratorio di cancan tenuto da abili ballerine professioniste, è possibile organizzare e prenotare un workshop privato per gruppi. Inoltre, calato il sipario su piroette, volteggi e vaporose sottane svolazzanti, si solleveranno invece un prelibato cocktail al bancone del bar e il meritato diploma di cancanneuse. Bonne chance!

In bici lungo il Danubio da Vienna a Bratislava – Un week-end all’insegna del movimento può essere un’idea stimolante e divertente. Gli amanti della bicicletta che non vogliono rinunciare a fragorosi festeggiamenti in alcune delle più splendide capitali europee possono trovare nella pista ciclabile del Danubio il compromesso perfetto! Inserita nella rete EuroVelo 6, parte da Donaueschingen in Germania, dove il fiume ha origine, e si prolunga sino alla foce sul Mar Nero. Il tratto compreso tra Vienna e Bratislava è quello più indicato per alternare a una sana pedalata tappe culturali visitando le città. Il tracciato è pianeggiante, le indicazioni della ciclovia opportunamente segnalate e i ciclisti colti da appetito potranno contare su numerosi punti di ristoro. Il percorso si sviluppa per un’ottantina di km lungo il quale ci si imbatte nel rigoglioso Parco nazionale Donau-Auen. Nessun timore di non riuscire a tenere il passo con il resto del branco, la città austriaca e quella slovacca sono collegate anche per via fluviale: è l’occasione perfetta per concedersi una pausa dalle due ruote o una mini-crociera veleggiando tra le onde dell’affascinante Danubio blu.

Rafting sul Cetina in Croazia – Se si amano scosse di adrenalina immersi nella natura selvaggia, il rafting è la risposta ideale per un addio al celibato o nubilato alternativo. Nella vastità dei corsi d’acqua che permettono di praticarlo in totale sicurezza, il fiume Cetina nella Croazia meridionale è tra i più indicati: il senso dell’avventura è messo alla prova grazie alla presenza di canyon, grotte, cascate e piscine naturali che lo adornano; è tra i più affascinanti perché navigandolo si ha la possibilità di ammirare un incantevole paesaggio: la partenza è a Spalato, una piccola gemma incastonata sulla costa della Dalmazia. Diversi operatori specializzati organizzano le escursioni sul Cetina e costantemente accompagnati da professionisti, non è necessario essere esperti navigatori: seguendo le indicazioni dello skipper, il divertimento estremo è dietro l’angolo!

Sulle orme di Zeus: trekking sul Monte Olimpo – Ergendosi maestoso per oltre 2.900 metri, il Monte Olimpo è il più alto massiccio della Grecia: situato sul confine che separa Tessaglia e Macedonia, non lontano dall’Egeo, era la mitica dimora di Zeus e delle altre divinità. Una scarpinata lungo i suoi pendii è un’esperienza unica ed entusiasmante ideale per rafforzare il lavoro di squadra: per raggiungere Mitikas, la cima perennemente avvolta dalle nubi, è necessaria un’escursione di circa due giorni. Inoltre, pernottando in un rifugio, oltre a riprendere fiato si avrà l’occasione di conoscere e intrattenersi con altri escursionisti provenienti dai luoghi più disparati del pianeta: conquistare la vetta del monte degli Dei sarà un’impresa ancora più elettrizzante in compagnia di nuovi avventurieri. Il periodo compreso tra maggio e settembre è quello più favorevole per l’impresa: una volta giunti al traguardo, una vista mozzafiato delizierà gli occhi e ripagherà di tutte le fatiche.

Siviglia, a lezione di flamenco – Assistere a un’autentica esibizione di flamenco è percorrere un viaggio emozionante che tocca le corde più profonde dell’animo umano attraverso le movenze sinuose, l’ipnotico battito di mani, il ticchettio travolgente dei tacchi, il canto melodioso e struggente e infine il suono melanconico della chitarra. Se oltre a ghiottissime tapas e rinfrescanti tintos de verano si vuole lasciarsi trasportare da una delle danze più sensuali al mondo, la spumeggiante Siviglia è la destinazione azzeccata. Non solo la variopinta città andalusa è da tempo immemore sinonimo di quest’arte incredibilmente coinvolgente, ma è anche un’imperdibile meta culturale e un centro brioso ed effervescente per trasformare un sorso di cerveza in un party animato e stravagante prima del grande giorno. Per insegnare ai futuri moglie e marito a conquistare il partner a ritmo di nacchere bisogna iscriverli ai corsi intensivi di Taller Flamenco, nel vivace quartiere della Macarena. Terminate le lezioni di tecnica e coreografia del venerdì pomeriggio e del sabato mattina, uno spettacolo serale travolgerà il cuore degli spettatori ammaliati.

Cena in mongolfiera: a spasso tra le nuvole – Se stare coi piedi per terra non è una prerogativa di chi sta per pronunciare il fatidico “sì”, una passeggiata tra le nuvole in mongolfiera può essere la trovata appropriata per regalare al futuro sposo un’esperienza decisamente fuori dal comune. Ammirare dall’alto il paesaggio offerto dal Bel Paese è possibile da nord a sud dello stivale, ma per un rinfresco di benvenuto e un panorama da togliere il fiato sorvolare sulle colline toscane è d’obbligo. Se all’adrenalina del viaggio nell’etere si vuole invece associare un vero e proprio aperitivo ad alta quota, ci si può lasciar catturare dalle solenni vette innevate della Val d’Aosta. Sospesi a 3.000 metri di altezza si può gustare una deliziosa colazione o una cena in estate, mentre in inverno un ricco brunch o un pranzo allieteranno l’emozione di toccare il cielo con un dito.

Ti potrebbero interessare anche:

Adoc, 7% italiani in vacanza con i coupon, ma occhio alle truffe
Spiagge per bambini, il litorale pontino fa il pieno di "Bandiere verdi"
CARNEVALE/ Venezia, la sfilata delle "marie" inaugura l'edizione 2015
Palermo, un settembre da tutto esaurito
Divertirsi a Vienna per i 250 anni del Prater
Parco del Conero compie 30 anni, fra aironi e calette



wordpress stat