| categoria: sanità

Lombardia. Nasce la prima Breast Unit mista pubblico-privato

Un’azienda pubblica (l’ASST Melegnano e della Martesana) e una privata accreditata (l’IRCCS Policlinico San Donato) si sono alleate per dar vita a un’unica Breast Unit per la presa in carico delle pazienti con carcinoma mammario.

Il progetto prevede che d’ora in poi gli specialisti dei due ospedali coinvolti (oncologi, radiologi, radioterapisti e chirurghi, psicologi, medici e professionisti della riabilitazione) lavorino insieme in un unico team multidisciplinare in grado di far fronte a tutte le esigenze cliniche delle pazienti con tumore del seno.

L’obiettivo è quello di migliorare l’assistenza ma anche di ottimizzare le tempistiche di erogazione delle prestazioni diagnostiche e terapeutiche, con riduzione dei tempi di attesa, e di facilitare l’accesso delle pazienti ai servizi.

Il tutto sarà monitorato dall’ATS Città Metropolitana attraverso l’utilizzo di specifici indicatori.

“Siamo fieri di partecipare a questo progetto di prevenzione e cura, fondamentale per la città e per tutto il territorio dell’ATS di Milano”, ha dichiarato Francesco Galli, amministratore delegato dell’IRCCS Policlinico San Donato. ­“Proprio la prevenzione prima e la migliore cura quando necessaria, unite con la ricerca scientifica, sono infatti i pilastri della nostra mission. Riteniamo che il progetto rappresenti un unicum nel panorama sanitario della nostra Regione: un’alleanza tra un ospedale pubblico e un IRCCS privato, uniti al solo scopo di perseguire il bene del paziente. Ci tengo a ringraziare i medici specialisti dei due ospedali per la dedizione, unita all’esperienza e alla grande competenza, con la quale si sono appassionati a questo progetto”.

“Questa iniziativa rappresenta uno straordinario esempio di rete e di presa in carico che coglie in pieno lo spirito della legge di evoluzione del sistema regionale lombardo”, ha aggiunto Mario Alparone, direttore generale della ASST Melegnano e della Martesana.“Fare squadra sul territorio attraverso la costituzione di un’équipe multidisciplinare con l’unico scopo di garantire alle pazienti il miglior percorso diagnostico- terapeutico e di migliorare l’accesso alle cure e la tempestività d’azione tra il momento della diagnosi e quella dell’intervento. La Breast Unit Interaziendale nasce dall’intenso rapporto di collaborazione professionale che hanno sviluppato i nostri medici che da anni lavorano insieme su diversi fronti”.

“Il miglioramento della qualità della vita delle pazienti rappresenta per tutti noi l’obiettivo primario”, ha concluso Marco Bosio, direttore generale della ATS Città Metropolitana di Milano. “Questa partnership è un esempio concreto di come esperienza, competenza e buona volontà, integrandosi, possano garantire la giusta risposta ai bisogni della popolazione del territorio. ATS, in conformità alla propria mission, si impegna a monitorare l’attività svolta per poter garantire una sempre maggiore efficacia ed efficienza dei servizi offerti”.

Ti potrebbero interessare anche:

Muore dopo trasfusione: nella sacca di sangue sapone per le mani e germi
Aids: 'I malati che lavorano hanno più probabilità di curarsi'
Bimba morta durante intervento a Roma: sette indagati
Ospedali a rischio: 40mila medici in fuga nei prossimi dieci anni
Pronto Soccorso, caos nazionale. Fino a 60 ore per un ricovero
CORRUZIONE SANITA'/ Nell’ultimo anno 107mila famiglie italiana hanno dovuto "pagare" per a...



wordpress stat