| categoria: Dall'interno

VITERBO/ Ex Terme Inps, si sveglia la politica?

di WANDA CHERUBINI
Il comitato “Lavoratori ex-Terme INPS”, affiancato dall’ Ass. Solidarietà Cittadina, che si batte da tanti anni per il recupero dell’immenso stabilimento termale ex-INPS, nota, con grande sorpresa, che, in quasi tutti i programmi degli aspiranti sindaci, si affermi che tale recupero è tra i punti più importanti e urgenti da realizzare. “Circostanza che ci riempie di gioia – affermano – e, vogliamo sperare, non si tratti di semplice propaganda elettorale, così come è accaduto negli ultimi vent’anni.
L’amministrazione uscente qualcosa ha mosso: il protocollo d’intesa con la Regione firmato da Zingaretti ed il sindaco Michelini a luglio 2017, in cui era contenuto anche la tempistica per il Bando Pubblico, previsto per la fine dello stesso anno, che, però, non è stato ancora fatto. Sono stati, inoltre, espletati tutti i nulla osta con la Regione per effettuare il Bando Europeo al fine di individuare l’Advisor, il soggetto, cioè, che dovrà preparare il progetto funzionale al Bando stesso. Tutte le spese per le pratiche sono sostenute dalla Regione e dal Comune e dovrebbero concludersi in un paio di mesi. Se è vero che la giunta Michelini, qualcosa ha finalmente realizzato per il recupero termale, è anche vero che si è persa in lungaggini estenuanti, che si sono, ormai, protratte fino alla conclusione del mandato, senza aver portato a compimento l’iter.
Rivolgiamo un accorato appello a tutti i soggetti coinvolti in questa tornata elettorale: candidati alla carica di sindaco e di consiglieri, ai partiti, “a chi vince e a chi non vince”, di portare avanti e concludere l’iter burocratico finalizzato alla riapertura delle ex-terme INPS, così importante per il nostro territorio, senza dover cominciare tutto da capo. Il futuro progetto dovrà, ovviamente, coinvolgere l’intera proprietà dello stabilimento ex-INPS, che consta di circa 7 ettari di estensione, affinché si realizzi un’opera grandiosa, che possa essere il più possibile attrattiva e non un semplice albergo, che potrebbe soddisfare solo chi ha interesse a che rimanga tutto fermo per altri 100 anni!
Ricordiamo che sono stati già presentati progetti molto interessanti al comune di Viterbo, che, però, non possono essere valutati, perché devono passare attraverso il Bando Europeo.
E ancora, ricordiamo alla futura maggioranza e opposizione, che Viterbo ha fin troppo bisogno di lavoro e che su questo tema non c’è destra, sinistra, centro o civici che tenga ma solo coesione, altrimenti si continuerà a fare il gioco della cattiva politica e non gli interessi dei cittadini. Non dimenticate mai che i nostri giovani e non, hanno bisogno estremo di lavoro e il termalismo e turismo potrebbero garantirne in abbondanza!”.

Ti potrebbero interessare anche:

SCUOLA – Assunzioni nuovi docenti, per migliaia di vincitori continua l'odissea
Xylella, sequestrati ulivi nel Leccese. Dieci indagati
Pedofilia, obbligo di cura dopo il carcere: "sentenza pilota" del tribunale di Milano
Velletri, morto il bimbo di 2 anni caduto nel pozzo
Uffizi, si cambia, in alta stagione biglietto più caro
MALTEMPO/ Frana nel Bellunese, molti paesi isolati. Castelli: «Stop a tasse e cartelle»



wordpress stat