| categoria: editoriale

Per una volta l’Italia mostra i muscoli. Funzionerà?

Per una volta l’Italia mostra i muscoli e dice dei “no”, cosa succede? Può funzionare? Matteo Salvini ha dovuto (o voluto) rompere gli schemi e chiudere i porti italiani alla nave che trasporta centinaia di migranti. Pronto ad andare a soccorrerli in mare. Ma quanto a farli scendere a terra in Italia no. Secondo la sua interpretazione del diritto internazionale se ne deve occupare Malta. Troppo facile voltare le spalle. L’Europa preoccupata si interroga, la mossa di Salvini giunge inaspettata, chi credeva che la politica dura annunciata in campagna elettorale lasciasse il campo ad una real politik, si trova spiazzato.Il nuovo governo giallo-verde sfida tutti e provoca. Lo aveva promesso e ora deve mantenere. C’è da chiedersi se questo atteggiamento muscolare sia circoscritto, sia legato alla emergenza migranti sulla quale Salvini mette la faccia: ma se diventasse un sistema? Se un atteggiamento politico più spregiudicato, magari contro tutte le regole scritte e n on scritte, diventasse la regola di Palazzo Chigi? In economia, nei rapporti internazionali, in sanità, sulle grandi questioni sociali che paralizzano il nostro Paese? Non nascondiamoci dietro un dito, l’Italia litiga e discute su tutto, su tanti temi ci si ferma per evitare di perdere consensi con una scelta forte. E’ la debolezza del sistema, non si può andare a referendum su tutto. In alcune circostanza bisogna avere il coraggio di rischiare consenso, credibilità per andare fino in fondo. Salvo pagare politicamente e con gli interessi se le cose vanno male. In fin dei conti è solo questione di abitudine, solo in Italia si ha paura di rischiare per paura di perdere la poltrona. Che ne pensano Salvini e Di Maio. Pardon, comanda il premier Conte

Ti potrebbero interessare anche:

Le matrioske del Cavaliere
L'Italia è un paese stressato, ha bisogno di poter sperare in un futuro migliore
Perché trattano i terremotati come cittadini morosi?
Caso Riina, giustizia e clemenza. L'umanità dello Stato
Il pericolo numero uno, Berlusconi
Votare a ottobre, perché no



wordpress stat