| categoria: Roma e Lazio

«Cene e note spese taroccate»: le segretarie di Marino nei guai

Scontrinogate torna alla ribalta. Dopo la condanna a due anni di carcere inflitte in appello all’ex sindaco Ignazio Marino per le 56 cene private pagate con la carta di credito del Campidoglio e spacciate nei giustificativi di spesa per incontri istituzionali, sul caso si aprirà un processo bis. Sul banco degli imputati chi avrebbe mentito o taroccato le carte per proteggere l’allora primo cittadino, ossia, secondo l’accusa, la collaboratrice Claudia Cirillo e la segretaria particolare Silvia Decina.

Ti potrebbero interessare anche:

Fori, dopo 14 anni riaprirà la via Alessandrina
Romagna e Piemonte salveranno Roma dall’emergenza rifiuti
Schianto nella notte sulla via del mare, due morti e tre feriti
ELETTORANDO/ Raggi (M5S), Giachetti e Rutelli boys ancora qui nonostante i fallimenti
I Nas alla Girolami dopo l'invasione dei topi
Sorpresa, la Raggi inventa un super-assessore



wordpress stat